«ROCK N ROLL - Ryan Adams» la recensione di Rockol

Ryan Adams - ROCK N ROLL - la recensione

Recensione del 07 nov 2003 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

I peccati di certi musicisti si possono perdonare solo se fanno grandi dischi, e questo è sicuramente il caso di Ryan Adams.
Il peccato di questo scavezzacollo del rock americano è di essere ipercinetico, iperproduttivo e, francamente, un po’ troppo pieno di sé nel modo di porsi al pubblico e ai media. Adams è uno che dall’acclamato “Gold” – che fu anche disco dell’anno per la Redazione di Rockol nel 2001- non è riuscito a stare fermo. Ha iniziato diversi progetti, spesso senza mai portarli a termine. Ha collaborato con mezzo mondo. Si è perso nella sua iperproduttività, nella sua incapacità a stare fermo fino a far perdere anche i suoi stessi ascoltatori. E l’uscita di questo nuovo disco – presentato come “il seguito ufficiale di ‘Gold’ ” – lo dimostra. In contemporanea viene pubblicato l'EP "Love is hell pt.1", che contiene la prima metà di un altro disco; la seconda metà verrà pubblicata il dicembre successivo, sempre sotto forma di EP; e si parla di 14 canzoni varie da usare come b-side… Insomma, si fa davvero fatica a stargli dietro.
Però poi si ascolta “Rock n roll”, e ogni dubbio scompare. Anche quello di un titolo così altisonante e, se vogliamo, pure un po’ arrogante. Perché questo disco è esattamente quello che promette: 14 canzoni che viaggiano tra gli Stones e i Replacements, chitarre elettriche che viaggiano, melodie che funzionano... “Lasciatemi cantare una canzone che non è mai stata cantata prima”: sono le prime parole, quelle di “This is it”. E invece Ryan Adams ammicca qua e là, gioca a rimpiattino citando colleghi presenti (il titolo di questa canzone ricorda quello del disco degli Strokes, che si vocifera Adams abbia reinciso per intero – vedi news) e passati (date un’occhiata alla tracklist e ci troverete parafrasi di titoli famosi…). Ma soprattutto scrive grandi canzoni che forse non inventano nulla, ma a loro modo sono perfette nel rielaborare un genere, quello del rock elettrico anglosassone. Ecco, in questo disco manca il Ryan Adams “balladeer”, che compare solo nella pianistica e delicata title track (“Tutti sono ‘cool’ a suonare rock ‘n’ roll, io non mi sento 'cool' per niente": ehi, Ryan, ci stai prendendo in giro?). Però quello lo potete riascoltare negli EP di “Love is hell” (vi consigliamo la bella e delicata cover di "Wonderwall" degli Oasis). E poi, finche Ryan Adams fa dischi così, può continuare a comportarsi come gli pare…

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.