«JUST LIKE BLOOD - Tom McRae» la recensione di Rockol

Tom McRae - JUST LIKE BLOOD - la recensione

Recensione del 19 feb 2003 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Giovani cantautori crescono: potrebbe essere riassunto così, in tre parole, il secondo album di Tom McRae. Negli ultimi anni siamo stati invasi, perlopiù piacevolmente, da un’ondata di musicisti che in un modo o nell’altro si rifacevano ai diversi filoni della canzone autoriale anglosassone, spesso cercando di attualizzarla con l’elettronica.
Questa ondata è cresciuta grazie al successo planetario di gente come David Gray, e ha permesso di rispolverare forme della canzone che sembravano essere state travolte dalle tante effimere mode musicali degli anni ’80 e ’90.
Tra questi nuovi musicisti c’era anche Tom McRae, che nel ’91 ha esordito con l’album eponimo. Al tempo, recensendolo, Rockol scrisse che era un disco che faceva meno clamore di altri del genere, ma che non per questo andava sottovalutato, un disco che trovava la sua forza nella misura e nel gusto, e un nume tutelare in Nick Drake.
Ora, tutte queste considerazioni si potrebbero tranquillamente ripetere a proposito di questo ottimo secondo sforzo, “Just like blood”. Andrebbe aggiunto che McRae, nel frattempo è cresciuto parecchio. McRae continua a fare una musica cantautorale tra tradizione e avanguardia, puntando più sul primo versante ma non disdegnando soluzioni e arrangiamenti derivati dal secondo. Le sue canzoni continuano a ricordare Nick Drake per il tono sofferto, intimo e un po’ cupo. E continuano a non fare clamore. Se sentite “You only disappear”, con il suo incedere lento ma implacabile, o “Stronger than dirt”, o ancora “Karaoke soul” (bellissimo titolo) capirete che questa non è musica da emittenti radiofoniche, come lo è a volte quella di David Gray. Vi renderete conto anche che McRae non è un personaggio accattivante, buono per la copertina di qualche magazine neo-tradizionalista. Ma sa scrivere e arrangiare canzoni con un gusto che hanno pochi altri suoi contemporanei così giovani in termini di anagrafe e carriera discografica.
Ecco, questo “Just like blood” è un disco d’altri tempi: nel senso che ci mostra un giovane talento che fa il suo percorso, senza essere forzato ad esplodere cercando un hit a tutti i costi. Se saprà continuare su questa strada, se chi gli sta intorno glielo permetterà, diventerà una solida realtà nel suo genere. Ma già ora, con un disco di tal fatta, è un nome da conoscere, se vi piace questo filone.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.