«STATIC TRANSMISSION - Steve Wynn» la recensione di Rockol

Steve Wynn - STATIC TRANSMISSION - la recensione

Recensione del 03 mar 2003 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Ci sono dischi che meritano di essere ascoltati anche solo per una canzone. Prendete “Amphetamine”, traccia numero 5 di “Static transmission”. Se non sapessimo chi è Steve Wynn, se non conoscessimo la sua storia, ci sarebbe da gridare al nuovo fenomeno, come si fa spesso quanto si ascolta un brano che ti folgora. Sei minuti e rotti di rock tirato e acido, con le chitarre che girano a mille, dando punti a tutte le nuove band pseudo-rock degli ultimi tempi.
Invece Steve Wynn non stupisce. Perché è dai tempi dei Dream Syndicate che scrive canzoni così. Forse lo ha fatto a fasi alterne, proonendo nella sua carriera solista tanto i suoni di rock acido del suo ex-gruppo quanto momenti più cantautorali. Tutto questo disco, in fin dei conti, vive di questa bella contraddizione. Arriva dopo il monumentale doppio “Here comes the miracles”, una sorta di summa della sua ventennale carriera. E, per reazione, è un disco volutamente più sbilenco, che unisce canzoni rock a momenti più inconsueti. Ad “Amphetamine”, per intenderci, si contrappongono ballate irregolari basate sulle tastiere come l’iniziale “What comes after” o ballate “regolari” come “Maybe tomorrow”, ma arrangiate in maniera per lui inconsueta (in questo caso con l’uso di archi che sottolineano la melodia).
In sostanza, “Static transmission” è l’ennesima bella prova di un grande nome del rock americano, uno che non sbaglia (quasi) mai un colpo. Certo, Wynn non avrà la statura del gigante, o forse ha scelto di non averla, rivolgendosi ad un pubblico che è necessariamente di nicchia, lontano dai grandi numeri. Ma questa è la sua dimensione migliore: dischi onesti fatti di canzoni belle, mai banali, che non concedono granché alla faciloneria del rock da radio FM americana. Se la storia del rock non fosse sostenuta da personaggi come Wynn, probabilmente il rock stesso sarebbe defunto da tempo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.