«LOVEBOX - Groove Armada» la recensione di Rockol

Groove Armada - LOVEBOX - la recensione

Recensione del 05 feb 2003

La recensione

Sulla carta, c’era qualche motivo per temere una mezza bufala contrabbandata come musica "di tendenza" ma per fortuna non è così. I Groove Armada sono reduci da un successo innescato da uno spot pubblicitario - almeno in Italia - e sono un duo di DJ/assemblatori di suoni e campionamenti usciti dalla scena dei club inglesi, un esempio classico dei suoni che imperversano ormai da diverso tempo nelle classifiche.
Nonostante le cifre di vendita notevoli, i due mantengono quel tocco stiloso amato da chi segue la cosiddetta club culture. Per fortuna, non si limitano ad aderire all'estetica della musica da club ma hanno l'apprezzabile capacità di dotare i loro brani di "ganci" efficaci. “Lovebox” viene presentato come l'album più pop realizzato finora da Andy Cato e Tom Findlay e si mantiene fedele a questo assunto. Senza la pretesa di fissare le nuove coordinate sonore per il terzo millennio, i due allineano una bella serie di pezzi che hanno tutti i numeri per guadagnare spazio nelle programmazioni radiofoniche. Il funk è il punto di partenza ritmico fondamentale su cui Cato e Findlay innestano di volta in volta gli ingredienti che preferiscono. Così ci sono le chitarre rock di “Purple haze” (niente a che vedere con Hendrix, ma vengono campionati gli Status Quo) e “Madder” (rappata in modo convincente da M.A.D.), la disco di “Easy” e il tormentone caraibico di “But I feel good”. Da consumati esperti di suoni adatti alla chill-out room, Cato e Findlay dosano con ottimo senso della misura i momenti danzerecci con episodi più morbidi e giocano abilmente il jolly dell’ospite illustre in “Think twice”, che vede Neneh Cherry rinverdire più o meno i fasti di “7 seconds”, e “Hands of time”, che recupera il veterano Richie Havens con un appropriato Fender Rhodes ad accompagnarlo. La Cherry ricompare anche in “Groove is on” in duetto con Kriminul per un funk un po’ coatto ma che indubbiamente funziona. “Remember” riesuma la voce di Sandy Denny per un pezzo che magari farà storcere il naso ai vecchi fan dei Fairport Convention, ma ha una solennità malinconica che si fa apprezzare. Insomma, il gioco delle citazioni estrapolate dal contesto originario funziona e "Lovebox" scorre piacevole, senza battute a vuoto o momenti di noia. Un risultato forse deludente per chi è appassionato di azzardati esperimenti sampladelici (qui non ce ne sono) ma, alla fine, è esattamente quello che si chiede a un disco pop.

(Paolo Giovanazzi)

TRACKLIST

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.