«LA CURA DEL TEMPO - Niccolò Fabi» la recensione di Rockol

Niccolò Fabi - LA CURA DEL TEMPO - la recensione

Recensione del 04 feb 2003 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

“Quando vivere diventa un peso / quando nei sondaggi il tuo parere non è compreso / quando dire amore diventa sottinteso / quando la mattina davanti al sole non sei più sorpreso /dillo pure che sei offeso. (…) Sei ha qualcosa da dire dillo adesso / non aspettare che ci sia un momento / più conveniente / per parlare”.
Per parlare del nuovo disco di Niccolò Fabi, “La cura del tempo” partiamo da queste parole, le più intense della più bella canzone del disco: “Offeso”, stupendo e toccante duetto con Fiorella Mannoia. Che Niccolò Fabi non fosse uno cantante leggero lo sapevamo. Forse, in passato, è stato facile collegarlo alla poetica della “nuova scuola romana”, quella dei Silvestri e dei Gazzé: abili, giocolieri delle parole, ironici e profondi. Niccolò è stato – ed è tuttora, per certi versi- legato a quest’idea di canzone. Però brani come “Offeso” - e tutto questo album in generale - fanno capire che la strada maestra ora è un’altra. Una strada forse più introspettiva, un po’ più malinconica del solito, forse meno diretta ma decisamente più matura.
Se dovessimo fare dei paragoni tra il Fabi odierno ed altri nomi della scena italiana - sono fuorvianti, lo sappiamo, ma rendono l’idea – vengono in mente due nomi. Il primo è quello dei Tiromancino: Fabi, a differenza del gruppo di Zampaglione, ricerca nelle sue canzoni suoni più acustici e “tradizionali”: lo dimostra la presenza del sax di Stefano Di Battista, per esempio, o quella di strumenti come il mini-moog o il piano Fender-Rhodes; la ricerca melodica e verbale, però, va nella stessa direzione, con tutte le differenze del caso: un recupero e un’attualizzazione di alcune forme della canzone italiana cantautorale. E, da questo punto di vista, viene in mente un altro nome: quello di Ivano Fossati. Ascoltando canzoni come “Mimosa” viene in mente il cantautore ligure, per una certa scansione e intonazione delle parole, oltre che per il fatto che proprio Fossati è uno dei caposcuola nella canzone introspettiva e malinconica.
Detto questo, “La cura del tempo” è un disco che vive di luce propria, e lo dimostra quanto bene sia stata accolta dalle radio il singolo “E’ non è”, non certamente una canzone “pop” nel senso tradizionale. Insomma, un disco che è contemporaneamente una bella conferma ed una bella sorpresa.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.