«SENZA PESO - Marlene Kuntz» la recensione di Rockol

Marlene Kuntz - SENZA PESO - la recensione

Recensione del 10 feb 2003 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

L’insostenibile leggerezza della musica rock. E’ facile fare giochi di parole su un titolo come “Senza peso”, o fare ragionamenti a partire dalla bella copertina, che sembra rappresentare il punto di vista di qualcuno sospeso per aria. Per questo motivo, perdonerete la citazione di Kundera… Questo titolo richiama, però, una contraddizione che sembra appartenere alla musica della band cuneese, ed a questo disco in particolare: una sensazione di lievità contrapposta ad un'idea di gravità, intesa come pesantezza e come attrazione verso terra.
Queste forze apparentemente contraddittorie muovono il quinto disco di studio della band cuneese. Forze che, fuor di metafora, intendono rappresentare la l'idea di una musica che, mai come ora, è secca, diretta, potente; eppure è anche decadente, carica di suoni ed immagini forti, gravi.
Complice la produzione di Rob Ellis e Head, i Marlene hanno sfornato un disco pressoché perfetto, dove tutto è al posto giusto: non una nota di troppo, non un passaggio inutile, non un suono superfluo. “Senza peso” è un disco di canzoni rock taglienti e perfette, come “Sacrosantà verità” “A fior di pelle”, “L’uscita di scena” o “Con lubricità”, incastonate tra brani più soffusi come “Ci siamo amati” o “Schiele, lei, me”. Da un punto di vista musicale, appare come un album assolutamente maturo, in cui i Marlene hanno saputo prendere ciò che ce li ha fatti apprezzare in passato, e portarlo ancora più avanti. Le canzoni, per certi versi, ricordano quelle dell’esordio di “Catartica”, ma con la ricchezza espressiva di “Che cosa vedi”: un mix pressoché assolutamente riuscito.
Anche la poetica dei testi di Cristiano Godano ha percorso la stessa strada: una poetica che sicuramente è unica nel panorama musicale italiano, fatta di immagini scure, di citazioni mai banali (Schiele, Updike…), di una costruzione della frase assolutamente personale. In “Senza peso” Godano viaggia tra personaggi che volano (come già capitava in “Lieve” e “Nuotando nell’aria”) e temi più crudi, rappresentando quella dualità di kunderiana memoria di cui si diceva prima.
Al di là di queste considerazioni, si può riassumere tutto molto semplicemente: “Senza peso” è il disco della definitiva consacrazione. E’ non è una banalità, ma una constatazione: insieme agli Afterhours di “Quello che non c’è”, i Marlene Kuntz sono la migliore Rock-band italiana, dove la “r” è volutamente maiuscola.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.