«SCARLET'S WALK - Tori Amos» la recensione di Rockol

Tori Amos - SCARLET'S WALK - la recensione

Recensione del 08 nov 2002

La recensione

Quest’album è la storia di Scarlet, una donna coraggiosa che decide di attraversare l’America da Ovest a Est per accompagnare la sua amica, stellina dell’hardcore arrivata a fine corsa, ai Porno Awards di Las Vegas. Un concept album dunque, lungo ben 18 brani (e 74 minuti), che segna il ritorno sulle scene di Tori Amos dopo le controverse cover di “Strange little girls”. Preceduto, negli Usa, da corpose polemiche (la Amos in agosto ha pubblicato un sampler con sei canzoni. Dopo 24 ore le canzoni erano già in Rete. La Amos si è fatta fabbricare una colla speciale con cui sigillare i discmen da dare ai giornalisti per gli ascolti. I giornalisti si sono arrabbiati: “Ma come, non si fida di noi?” e alcuni di loro si sono rifiutati di fare la recensione dell’album), “Scarlet’s walk” potrebbe rivelarsi un bell’affare per la cantautrice, che dopo una fase un po’ fiacca lasciava temere di aver definitivamente perduto lo smalto.
Tanto per cominciare, dal punto di vista dei suoni questo disco è un lavoro brillante. Ogni nota, ogni sfumatura della voce è chiara e cristallina, ogni strumento ben suonato, e già questo è importante. Ma più importante ancora è l’idea che sta dietro l’album, quella di Scarlet appunto, di una donna arrabbiata col mondo che fa pace con se stessa e con gli altri solo alla fine del disco (e cioè, quando nasce suo figlio). Progetto presuntuoso? Addirittura superbo? Certamente. Ma se così non fosse, “Scarlet’s walk” non avrebbe ragion d’essere. Che senso ha infatti lottare e costruire castelli, o almeno provarci, se gli obiettivi non sono alti?
Dal punto di vista musicale, l’album traccia un sentiero sonoro che seguire è perlomeno piacevole. Certo qui ci sono anche canzoni che a un primo ascolto non dicono un granché, come “Your cloud”, “Pancake” o “Mr. Jesus”, ma che sentite più volte guadagnano terreno e trovano il loro posticino nel disco. Il singolo di lancio dell’album, “A sorta fairytale”, è una buona scelta sia per il titolo (suggestivo) che per l’atmosfera sonora (avvolgente). La canzone successiva, “Wedsneday”, parte con un ritmo irresistibile e ritrova definitivamente la personalità che la Amos sembrava aver smarrito. “I can’t see New York” è uno di quei bei pezzi epici (sette minuti) che ti fanno esclamare: “Ah! Questa sì è una canzone”, e che (come anche “Gold dust”, come più in generale tutto l’album) riportano alla mente Mitchelliane memorie. Se le escursioni vocali, l’uso del piano e la struttura ritmica della Amos non vi hanno annoiato in passato, adorerete quest’album. Se amate le rare creature capaci di mettere tutte se stesse in una storia, vi getterete ai piedi di questa donna-ragazza con i capelli rossi, che non urla mai troppo anche se potrebbe farlo, che nei suoi dischi parla di politica senza esagerare, che soffre per amore come chiunque altro al mondo – e lo racconta come pochi sanno fare.


(Paola Maraone)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.