«BY THE WAY - Red Hot Chili Peppers» la recensione di Rockol

Red Hot Chili Peppers - BY THE WAY - la recensione

Recensione del 12 lug 2002 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

“Il funk è andato in vacanza”. I Red Hot Chili Peppers, da simpatici mattacchioni californiani, hanno presentato il loro nuovo atteso album “By the way” trinceradosi dietro una battuta. E’ vero, il funk-rock manca all’appello. Già ce li vediamo i fan più intransigenti e i critici più radicali protestare: dove sono finiti i Peppers? Dov’è finito il “crossover”? Dov’è finita quell’aggressività ballabile che sembrava un concetto astratto e impraticabile qualche tempo fa, prima che Kiedis, Flea e soci si facessero notare? In vacanza, appunto.
Però intendiamoci, i Peppers sono tutt’altro che scomparsi. Semplicemente hanno fatto una scelta. Radicale, opinabile, non condivisibile, ma pur sempre una scelta. Hanno deciso di insistere sul loro lato più melodico e meno sfrontato. Un lato che ha sempre fatto parte della personalità del gruppo. Ve la ricordate – e come potrebbe essere altrimenti- “Under the bridge”? Per rifarci a tempi meno lontani, rammentate “Scar tissue”, dall’ultimo e acclamato “Californication”? Tutti brani che fanno inevitabilmente parte dell’identità del gruppo, assieme a quelli più arrabbiati.
Certo obietterà qualcuno, un disco intero di ballate e canzoni pop-rock… Sedici canzoni, 70 minuti in cui gli intermezzi “pestati” del singolo e title-track “By the way” sembrano piazzati lì, tra una melodia e un’apertura come uno specchietto per le allodole… Già: scelta opinabile e rischiosa, come dicevamo prima. Però la nostra impressione è che questa scelta funziona. Funziona perché sarebbe stato troppo facile incidere un disco fotocopia di “Californication” o “Blood sugar sex magik”. Perché i Peppers con la melodia ci sanno fare, eccome. Perché i cori che dominano le canzoni ricorderanno i Beatles, i Beach Boys o quant’altro, ma rendono il disco piacevole e canticchiabiale. Perché Frusciante e Flea, l’anima rock e quella funk del gruppo, sono anche dei bravi costruttori di canzoni più tradizionali: il loro suono è unico anche su brani meno veloci. Perché canzoni come “Universally speaking” o “Minor thing” sono belle e basta. Perché questo disco è melodico, ma non è moscio: è un esercizio di pop-rock estivo di alta qualità. Insomma, "By the way" non sarà il loro capolavoro, né probabilmente resterà negli annali della storia del rock. Però è un disco ben scritto, ben prodotto, ben suonato e molto, molto piacevole da ascoltare.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.