«AURA - Mission» la recensione di Rockol

Mission - AURA - la recensione

Recensione del 13 feb 2002

La recensione

Dal 1996 non usciva un disco di brani nuovi dei Mission. A parte un’antologia e un live pubblicato lo scorso anno (resoconto del tour del 1999), l’attività discografica della formazione inglese era dunque ferma da cinque anni. L’album del ritorno si intitola “Aura” e presenta la band compatta e in forma. Il disco si apre alla grande con l’elaborato riff chitarristico di “Evangeline”, introduzione dall’incedere fiero e imponente per il brano migliore di tutta la raccolta.
Epico e dark, il rock dei Mission mostra i muscoli e l’anima, dimostrando che il tempo e l’avvicendarsi dei trend musicali non sono riusciti a scalfire né gli uni né l’altra. “Shine like the stars” è pregna di malinconia ed elegante nel suo vestito di velluto blu notte; “(Slave to) Lust” ha invece un passo marziale e tradisce influenze mediorientali. Lo stile anni ’80 caratterizza “Lay your hands on me” e si fonde con il progressive in voga nel decennio precedente all’interno del medley “Trophy/It never rains”. “Dragonfly” è la canzone del disco più vicina alla dimensione pop, mentre “Burlesque” è quasi bluesata, un incontro fra Nick Cave, i Cure e Screamin’ Jay Hawkins.
La “Missione dei Mission” è quella di tenere alto il vessillo del movimento dark nel nuovo millennio; Wayne Hussey e soci hanno preso il ruolo sul serio. Le atmosfere gotiche, per i Mission non sono comunque un’ossessione e la band mantiene quell’apertura che la porta spesso ad eseguire dal vivo cover di colleghi come Neil Young, Beatles, Free o Patti Smith, in omaggio alla migliore tradizione rock. Anche per questo, un pubblico più ampio potrà apprezzare buoni dischi come “Aura”, che presumibilmente verrà bene accolto sia dai dark irriducibili che dai più comuni appassionati di rock.

(Diego Ancordi)

“Evangeline”
“Shine like the stars”
“(Slave to) Lust”
“Mesmerised”
“Lay your hands on me”
“Dragonfly”
“Happy”
“To die by your hand”
“Trophy/It never rains”
“The light that pours from you”
“Burleque”
“Cocoon”
“In denial”
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.