«CHANGE - Dismemberment Plan» la recensione di Rockol

Dismemberment Plan - CHANGE - la recensione

Recensione del 29 ott 2001

La recensione

Ascoltare i Dismemberment Plan dà uno strano senso di disorientamento, la sensazione di trovarsi in una stanza conosciuta dove però gli oggetti non sono al solito posto. La band statunitense infatti opera nei confini della canzone rock con estetica da gruppo indie, e con la formazione più classica che si possa immaginare (voce, chitarra, basso e batteria), ma si muove su traiettorie inconsuete. Anche quando i quattro si trovano fra le mani una melodia adatta a un trattamento pop, come quella cantilenante su cui è costruita la conclusiva “Ellen and Ben”, si guardano bene dal seguire binari facilmente riconoscibili: optano per una ritmica spezzata, inseriscono un breve riff funkeggiante e una chitarra registrata al contrario. E il risultato finale è davvero bello. Lo stesso si può dire dell’intero “Change”, complessivamente migliore del già convincente “Emergency & I” di un paio di anni fa. Senza rinunciare alle sottigliezze del loro stile compositivo, i Dismemberment Plan hanno trovato il modo giusto per essere più immediati. Restano troppo impegnativi per farsi ascoltare dal grande pubblico, ma hanno tutte le caratteristiche per restare stabilmente nei piani alti della scena indipendente. Dall’iniziale “Sentimental man” (guidata da una parte di basso imparentata con quella di “Once in a lifetime” dei Talking Heads e cantata da Travis Morrison in sognante falsetto) il gruppo non sbaglia un colpo, sia quando i ritmi si fanno più serrati, come in “Play for the piano”, sia quando gioca la carta del pezzo acustico (“Secret curse”). Parlando delle fonti di ispirazione per le nuove canzoni, la band ha citato nomi come Marvin Gaye, D’Angelo e Joni Mitchell. Se riuscite a immaginarvi i Fugazi che decidono di soffocare la rabbia e dare una propria lettura del soul, avete una vaga idea dei suoni che circolano in questo album. Ma è molto meglio evitare simili contorsioni mentali e ascoltarlo.

(Paolo Giovanazzi)

TRACKLIST

01. Sentimental man
04. Pay for the piano
05. Come home
06. Secret curse
07. Automatic
08. Following through
10. The other side
11. Ellen and Ben
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.