«LOVE AND THEFT - Bob Dylan» la recensione di Rockol

Bob Dylan - LOVE AND THEFT - la recensione

Recensione del 07 set 2001

La recensione

Un Dylan d’altri tempi come questo non si era mai visto. 12 canzoni letteralmente “out of time”, fuori dal tempo, lontane dal presente musicale e fuori da ogni moda.
Che Dylan se infischiasse di tutto e di tutti, che fosse un bastian contrario a cui piace spiazzare il pubblico era cosa nota. Qualcuno si ricorderà la svolta elettrica, la svolta country, la svolta mistica, e potremmo andare avanti per un po’. Questo disco è “la svolta swing/blues”? Non proprio, è difficile parlare ancora in questi termini del sommo vate del rock. Ormai è letteralmente su un altro pianeta.
“Love and theft” ha colto e coglierà di sorpresa un po’ tutti. E’ stato annunciato dallo stesso Dylan con un paio di inaspettate interviste un paio di mesi fa, ed ha suscitato parecchia curiosità. Qualcuno l’aveva definito "Nashville skyline" parte due, ovvero una ipotetica continuazione di quel lavoro che, alla fine degli anni '60, segnò una (temporanea) svolta country di Dylan. Il disco, invece, è una conferma quasi letterale delle parole che Dylan, per una volta meno criptico del solito nelle sue affermazioni, disse al quotidiano statunitense U.S.A. Today lo scorso 16 luglio: “Tutte le canzoni sono variazioni sul tema delle 12 battute e su melodie basate sul blues. La musica in questo caso è una griglia elettronica, mentre i testi sono la sotto-struttura che tiene tutto insieme”. Di elettronico, ovviamente, non c'è nulla in questo disco, come peraltro era facile prevedere. Per il resto si tratta di melodie decisamente retrò, liricamente strutturate sulla forma della ballata blues e country, ricche di citazioni letterarie: dal “Il Grande Gatsby” di Francis Scott Fitzgerald (la frase “you can't repeat the past”, “non puoi ripetere il passato” ripresa in “Summer days”), a Sheakespeare (Otello e Desdemona, in “Po’ boy” e e Romeo e Giulietta in “Floater”).
Senza colpo ferire, Dylan passa dal blues (“Honest with me”, “Cry awhile”, "Lonesome day blues") al rockabilly ("Tweedle dee and tweedle dum", “Summer days”), dal country (“High country”, “Po’ Bo” allo swing (“By and by”, “Moonlight”), esplorando territori praticamente mai battuti nella sua lunga carriera. Un plauso, in questa cavalcata, va alla band, che è quella che l’ha accompagnato recentemente nel suo “Never ending tour”. Larry Campbell, David Kemper, Tony Garnier e Charlie Sexton, con l'aggiunta del tastierista Augie Myers. “Love and theft”, insomma , non rappresenta nessuna svolta, ma solo l’ennesima grande conferma di un artista che, dopo quasi quarant’anni di carriera, non ha ancora smesso di cambiare e di stupire.


Tracklist:
"Tweedle dee and tweedle dum"
"Mississippi"
"Summer days"
"By and by"
"Lonesome day blues"
"Floater"
"Highwater (for Charlie Patton)"
"Moonlight"
"Honest with me"
"Po' boy"
"Cry awhile"
"Sugar Baby".

NB: il disco esce in anche una versione digipack limitata con un secondo CD, che contiene due inediti, entrambi registrati nei primi anni ’60: “I was young when I left home” (1961) e una versione inedita di “The times they are a’changin” (1963).
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.