«STORIE D'AMORE - Avion Travel» la recensione di Rockol

Avion Travel - STORIE D'AMORE - la recensione

Recensione del 19 gen 2001

La recensione

Un ritorno non facile, quello degli Avion Travel, dopo la continua crescita di consenso culminata con la vittoria al Festival di Sanremo dell’anno scorso. Un ritorno che si concretizza con un progetto impegnativo, eppure perfettamente in linea con la ricerca espressiva da sempre portata avanti da Peppe Servillo e soci. “Storie d’amore” è infatti un disco a tema, composto da cover provenienti dal repertorio della canzone italiana: nella raccolta spiccano brani di Nada, Paolo Conte, Adamo, Modugno, Dalla , Murolo.
Un progetto che porta avanti il percorso degli Avion Travel, si diceva. E, infatti, questo "Storie d’amore" conferma quanto si può dire del gruppo casertano, nel bene e nel male. Nel bene, per il continuo scavare alla ricerca delle radici della melodia, della tradizione canora italiana. Una ricerca già evidente nei brani originali, tanto più in questi rifacimenti, mai banali, sempre assolutamente personali. Canzoni come “Insieme a te non ci sto più” e “Lu minatori” sono marchiate da un suono che è ormai solo quello degli Avion Travel. Un suono che evidentemente è debitore di tutti gli autori citati e reinterpretati in questa raccolta, ma che è, allo stesso tempo, assolutamente unico.
Nel male, perché questo suono sconfina spesso e volentieri nel manierismo, in una perfezione troppo perfetta: arrangiamenti senza sbavature, melodie vocali assolutamente ineccepibili, ma tutto anche un po’ prevedibile. Insomma, la ricerca può anche far prendere qualche sbandata, rischiando di far fare la figura dei professorini. Sentire il crescendo di “Lu minatori”, per capire; o la ineccepibile e (paradossalmente) freddina “Ma che freddo fa” per capire. La sensazione, già intuibile da tempo e suffragata da questo disco, è che gli Avion Travel migliori siano quelli “live”, rappresentati su disco in “Vivo di canzoni”: sempre raffinati e ricercati, ma un po’ più imperfetti, sporchi. Una dimensione, questa, che nel nuovo disco affiora solo a tratti, come nelle atmosfere elettriche di “La notte”.
Fatte queste precisazioni, “Storie d’amore” rimane un disco piacevole e nettamente sopra la media della produzione italiana. Ma, forse, rischia di infilare gli Avion Travel in un vicolo cieco.


(Gianni Sibilla)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.