«IT.POP - Alex Britti» la recensione di Rockol

Alex Britti - IT.POP - la recensione

Recensione del 18 nov 1998

La recensione

Sebbene in Italia sia diventato famoso soltanto di recente, grazie alla torrenziale programmazione del suo hit "Solo una volta (o tutta una vita)", sebbene sia molto giovane e nonostante nel 1998 abbia già fatto un Sanremo, Alex Britti suona da una vita. Chi abita a Roma e frequenta il giro dei locali sa che Britti è uno dei migliori chitarristi blues in circolazione. Fondamentalmente Alex Britti è un bluesman con un’anima moderna, che gli ha permesso di realizzare un album in cui il mondo della canzone e quello del Delta del Mississippi riescono in definitiva ad incontrarsi in un modo onesto e onorevole. Merito di un approccio che sembrerebbe sincero, di un amore per la musica che comunque filtra dalle canzoni di questo album e di un’originalità che Britti sembra spartire con un suo concittadino, Daniele Silvestri. Per entrambi l’approccio sembra essere anzitutto ludico, volto al divertimento e alla sperimentazione fatta con relativa disinvoltura. E alla fine è un modo di lavorare, questo, che porta i suoi frutti, come si ascolta in "3 kitarre", "Come chiedi scusa", "Quello che voglio", "It.pop", senza citare il brano più conosciuto dell’album, "Solo una volta (o tutta la vita)". Britti va giù dritto, fino in fondo, con semplicità e piacevolezza, e anche se non proprio tutti gli arrangiamenti convincono appieno (alcuni sono un po’ tamarri, ma anche questo sembra essere nella natura del nostro, come spiega nel brano in cui parla dei suoi gusti musicali "It.pop") alla fine il risultato finale è nettamente positivo. Britti ha le carte in regola per affiancarsi ad altri giovani autori e interpreti della sua generazione, artisti come Silvestri, Gazzè, Bersani, pur avendo una peculiarità tutta sua, quella di essere un chitarrista sopraffino, come dimostra l’assolo in apertura su "Come chiedi scusa" e la slide che chiude l’album.

Tracklist:
"Gelido"
"Come chiedi scusa"
"Solo una volta (o tutta la vita)"
"Da piccolo"
"Se non ci sei"
"Jazz"
"3 kitarre"
"Quello che voglio"
"Fatemi spazio"
"Nomi"
"It.pop"
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.