L’influenza che Deep Purple e Beach Boys hanno avuto in passato sugli ABBA

Il chitarrista Janne Schaffer, che ha suonato come turnista con la band svedese tra gli anni '70 e i primi anni '80, parla degli ascolti che hanno influenzato alcuni classici degli ABBA
L’influenza che Deep Purple e Beach Boys hanno avuto in passato sugli ABBA

In occasione dell’uscita del nuovo album degli ABBA “Voyage” (leggi qui la nostra recensione), il chitarrista Janne Schaffer, che ha suonato come turnista con la band tra gli anni '70 e i primi anni '80, ha rilasciato un’intervista a “Guitar world” in cui ha ricordato la sua collaborazione con il quartetto e ha parlato degli ascolti che hanno influenzato alcuni classici della formazione svedese. 

Schaffer, che è apparso in cinquanta delle novantotto canzoni pubblicate da Agnetha Fältskog, Anni-Frid Lyngstad, Björn Ulvaeus e Benny Andersson nel corso dei loro primi dieci anni di carriera, ha raccontato: “Gli ABBA hanno venduto oltre 380 milioni di dischi, e io ho suonato in più della metà di quelli, il che è piuttosto interessante”. Ha aggiunto: “La loro era sempre buona musica. E le nuove canzoni suonano alla grande. Penso che il ritorno sarà un grande successo”.

Alla domanda sui brani con i passaggi di chitarra più pesanti degli ABBA in cui ha suonato, Janne Schaffer ha narrato:

“Ce ne sono tre che mi vengono in mente. ‘Rock'n Roll Band’, ‘Watch Out’ e ‘King Kong Song’, estratte dal primo e dal secondo album. Ascoltandoli, si possono sentire molte chitarre rock pesanti. In quel periodo ascoltavamo Deep Purple e cose simili”.

Tra alcuni classici del quartetto svedese in cui ha suonato, dopo aver sottolineato che “all'inizio Björn [Ulvaeus] e Benny [Andersson] non erano esattamente sicuri su quale direzione avrebbero dovuto prendere gli ABBA. Dal terzo album in poi, penso che Benny abbia capito meglio come voleva che suonasse la band”, Schaffer ha citato i pezzi “Ring Ring”, “Waterloo”, “Mamma Mia”, “Bang-A-Boomerang”, “Voulez Vous”, “I Have A Dream” ed “SOS”. Al quesito se "Waterloo" fosse una canzone glam rock, il 76enne chitarrista svedese ha risposto:

“Non ho idea se i componenti della band ascoltassero glam rock, ad essere onesti. Ma ascoltavamo molto i Beach Boys. Tutti sapevano che Brian Wilson era un grande cantautore. Benny sapeva prendere le sue ispirazioni e farle proprie. ‘As Good As New’, ad esempio, è stata in qualche modo influenzata dai Bee Gees, anche se è musicalmente diversa”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.