Caterina Caselli, la storia di “Insieme a te non ci sto più”

Quest’estate vi raccontiamo le storie di 45 canzoni italiane che, pubblicate a 45 giri, hanno avuto successo fra gli anni Cinquanta e il Duemila.
Caterina Caselli, la storia di “Insieme a te non ci sto più”

“Insieme a te non ci sto più”: (1968, P.Conte-V.Pallavicini, Ed.Sugarmusic)

"Ascoltando 'Insieme a te non ci sto più' non riusciamo a non commuoverci".

(Aldo Grasso, critico televisivo)

" E' un brano meraviglioso, ho voluto cantarlo perché questa cosa di non cantare mai gli evergreen è una cosa brutta che succede in questo paese". (Ornella Vanoni)

"E' bellissima. L'ho incisa perché ho sempre pensato che avrebbe meritato un arrangiamento moderno". (Franco Battiato)

Reduce dalla vittoria al Cantagiro 1968 con 'Il volto della vita', ovvero 'Days of pearly spencer' di David McWilliams, Caterina Caselli concluse un'annata lusinghiera incidendo un brano composto dalla coppia di autori che quell'anno avevano regalato a Celentano un quasi inaspettato ma clamoroso successo estivo: 'Azzurro'.

Ha scritto Mario Luzzatto Fegiz, critico del “Corriere della Sera”: "Nel 1968 il periodo beat si sta avviando alla fine, e Caterina Caselli cambia decisamente indirizzo musicale chiudendo un'epoca di grande popolarità e cercando nuovi sbocchi per il futuro. E così, dopo i ritmi shake di 'Nessuno mi può giudicare' e 'Sono bugiarda', punta a canzoni dagli arrangiamenti più elaborati, dalle melodie ampie. 'Insieme a te non ci sto più' è scritta da Paolo Conte e Vito Pallavicini; un bel motivo che già nel titolo indica chiaramente la storia di un amore che finisce".

Dopo aver preso contatto con la neonata etichetta dei Beatles, la Apple, nel tentativo di realizzare una versione inglese della canzone, a novembre Caterina Caselli presentò il brano a “Canzonissima”, sfoggiando per l'occasione una nuova pettinatura. Ma il suo destino era segnato: si imbattè subito nel cantante che in tale periodo dominava la gara, Gianni Morandi. "Non posso contare sui voti femminili: le donne, tra me e lui, scelgono lui", commentò all'epoca la Caselli. Morandi ottenne più di un milione e mezzo di voti - dieci volte il numero raggiunto dai suoi rivali immediati, Little Tony e la Caselli, i quali riuscirono comunque a guadagnarsi la finalissima, mentre altri cantanti blasonati furono letteralmente travolti da Morandi: tra questi, Ornella Vanoni, Don Backy, Fausto Leali e Betty Curtis.

Il 16 novembre 'Insieme a te non ci sto più' entrò in classifica; rimase nella top ten sino al 18 gennaio - ma ormai era già tempo di pensare al Festival di Sanremo, dove la cantante emiliana presentò 'Il gioco dell'amore' insieme a Johnny Dorelli. La canzone di Conte e Pallavicini comunque sarebbe stata riscoperta nel…secolo successivo, grazie al tributo di una grande interprete (Ornella Vanoni), un grande autore (Franco Battiato) e un grande regista (Nanni Moretti), che l'avrebbero fatta propria.

"Caterina cantava un po' come una lavandaia.

Ma io ero attratto proprio da quella diversità della voce". (Paolo Conte)

Racconta Caterina Caselli: "E' una delle canzoni che ho amato di più, forse la mia preferita in assoluto tra quelle che ho interpretato. Era il settembre '68, e a segnalarmi la canzone fu una persona che non era della nostra casa discografica, ma era rimasto colpito dal pezzo. Capii subito perché: la ascoltai per sei giorni di fila, non ascoltavo altro. Non riuscivo a staccarmene, ricordo che ero chiusa in una stanza, presa, posseduta da quella canzone. La incidemmo, con arrangiamento dello stesso Paolo Conte eseguito dall'orchestra di Franco Monaldi; insieme a noi c'era un famoso chitarrista, un jazzista che suonava in quasi tutti i brani di quel tempo: Bruno De Filippi. Era come il prezzemolo: bravo, veloce, simpatico e di buon carattere, tutte caratteristiche che lo rendevano molto richiesto. Sul lato B del 45 giri finì un altro brano di Paolo che a me era piaciuto molto, si intitolava 'Il dolce volo' - se vogliamo il testo anticipava dei film 'osée' che avrebbero avuto successo anni dopo, un incontro tipo Histoire d'O...".

Apparentemente, 'Insieme a te non ci sto più' non fa che guadagnare estimatori man mano che passa il tempo. Il regista Nanni Moretti se ne è servito addirittura due volte nei suoi film. La prima volta fu nel 1984 nel film 'Bianca': il brano era in sottofondo mentre il protagonista manifestava un paradossale desiderio di suicidarsi. La seconda volta è avvenuto nel 2001, ne 'La stanza del figlio'. Moretti ha dichiarato: "Come mi capita sempre quando faccio un film, anche in questo caso ho scelto le canzoni per prima cosa. E' buffo perché mi sono ricordato di aver già utilizzato in 'Bianca' la canzone della Caselli soltanto dopo averla inclusa nella colonna sonora de 'La stanza del figlio'".

Caricamento video in corso Link

Domani racconteremo la storia di “Lisa dagli occhi blu” di Mario Tessuto.

Abbiamo pubblicato in precedenza:

Umberto Tozzi, la storia di “Gli altri siamo noi”

Raf, la storia di “Cosa resterà degli anni Ottanta”

Loredana Berté, la storia di “Non sono una signora”

Loretta Goggi, la storia di “Maledetta primavera”

Umberto Tozzi e Raf, la storia di “Gente di mare”

Dario Baldan Bembo, la storia di “Amico è”

Gianna Nannini e Edoardo Bennato, la storia di “Un'estate italiana”

Giuni Russo, la storia di “Un'estate al mare”

Enrico Ruggeri, la storia di “Il portiere di notte”

Morandi-Ruggeri-Tozzi, la storia di “Si può dare di più”

Sergio Caputo, la storia di “Un sabato italiano”

Fiorella Mannoia, la storia di “Caffè nero bollente”

Pooh, la storia di “Pensiero”

Heather Parisi, la storia di “Disco bambina”

Orietta Berti, la storia di “Fin che la barca va”

Adriano Celentano, la storia di “Soli”

Loredana Berté, la storia di “Sei bellissima”

Adriano Celentano, la storia di “Svalutation”

Adriano Celentano, la storia di “Prisencolinensinainciusol”

Umberto Tozzi, la storia di “Ti amo”

Pooh, la storia di “Dammi solo un minuto”

Rosanna Fratello, la storia di “Sono una donna non sono una santa”

Umberto Tozzi, la storia di “Gloria”

Adriano Celentano, la storia di “Chi non lavora non fa l'amore”

Marcella Bella, la storia di “Montagne verdi”

Adriano Celentano, la storia di “Yuppi du”

Cochi e Renato, la storia di “E la vita, e la vita”

Oscar Prudente, la storia di “Stadium”

Adriano Celentano, la storia di “Mondo in mi7”

Caterina Caselli, la storia di “Nessuno mi può giudicare”

Adriano Celentano, la storia di “Il ragazzo della via Gluck”

Adriano Celentano, la storia di “Una carezza in un pugno”

Mina, la storia di “Una zebra a pois”

Adriano Celentano, la storia di “La coppia più bella del mondo”

Camaleonti, la storia di “L'ora dell'amore”

Don Backy, la storia di “L'immensità”

Mina, la storia di “La voce del silenzio”

Il testo qui sopra, scritto da Paolo Madeddu, è tratto, per gentile concessione del Gruppo Sugar, dal sito “Galleria della Canzone”, sul quale potete trovare le storie di più di 200 canzoni italiane di grande successo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.