Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Italia / 14/06/2019

Rock in Roma risponde (con ironia) agli haters

Gli organizzatori del festival capitolino hanno qualcosa da dire agli haters che hanno contestato le scelte legate alla line up di quest'anno.

Rock in Roma risponde (con ironia) agli haters

Quando manca poco più di una settimana al debutto del Rock in Roma 2019, che partirà ufficialmente sabato 22 giugno con la serata-evento "Roma Liberata", gli organizzatori del festival capitolino condividono un video teaser per presentare la line up definitiva rispondendo con ironia agli haters che nelle ultime settimane hanno duramente contestato sui social alcune scelte legate ai nomi nel cartellone di questa edizione.

Sulle note di "90min" di Salmo, la hit contenuta all'interno dell'ultimo album del rapper sardo (che peraltro il 12 luglio si esibirà sul palco del Rock in Roma con il suo "Playlist tour"), alcuni personaggi stringono tra le mani alcuni cartelli che riportano alcuni dei commenti postati dagli haters sui canali social ufficiali del Rock in Roma: "Co tutti i problemi de Roma ce mancavate solo voi", "Che il Dio del rock vi fulmini!", "Ma mandate a coltivare pannocchie su Marte". E ancora: "L'unica cosa rock è il nome", "Pop in Roma". L'ultimo cartello, invece, riporta una frase pronunciata nel film cult per gli amanti del rock "Almost famous" dal giornalista Lester Bangs, vera rockstar della critica musicale, interpretato nella pellicola da Philip Seymour Hoffman: "Music, you know, true music, not just rock'n'roll, chooses you".

Il messaggio suona chiaro e forte: "Andiamo avanti per la nostra strada con coraggio e determinazione".

La line up del Rock in Roma 2019 è molto diversificata: mette insieme protagonisti del nuovo pop italiano "ex indie" come Calcutta, Thegiornalisti (saranno loro a chiudere il festival, il prossimo 7 settembre al Circo Massimo - un evento prodotto da Vivo Concerti in collaborazione con Rock in Roma), Franco126 e Carl Brave ad alfieri del rock indipendente nostrano come Zen Circus, Negrita, Marlene Kuntz, Subsonica e Ministri, passando per star del pop-rock internazionale come i Thirty Seconds to Mars e Skunk Anansie e giganti del rock elettronico come i Kraftwerk.

Rockol, che ha sempre seguito il Rock in Roma raccontandone gli eventi clou (ricordate i live - ormai leggendari - di Bruce Springsteen, Rolling Stones, David Gilmour e Roger Waters al Circo Massimo o gli eventi da record di spettatori come quelli dei Muse e di Coez?), quest'anno offrirà ai suoi lettori qualcosa in più.

La line up completa del Rock in Roma 2019 la trovate sul sito del festival. I biglietti per i concerti possono essere acquistati sia su www.rockinroma.com che su TicketOne.