NEWS   |   Pop/Rock / 05/05/2014

Domani al via l'Eurovison Song Contest 2014: tutto quello che c'è da sapere

Domani al via l'Eurovison Song Contest 2014: tutto quello che c'è da sapere

Inizia domani la 59° edizione dell'Eurovision Song Contest, il concorso canoro in cui gareggeranno 37 rappresentanti di altrettante nazioni europee, Italia compresa. La città ospite è Copenhagen, avendo vinto l'evento nel 2013 grazie alla cantante danese Emmelie De Forest. Nelle semifinali di martedì 6 e giovedì 8 maggio si scontreranno rispettivamente 16 e 15 nazioni, e 20 passeranno alla fase successiva. Entrambe le semifinali verranno trasmesse in prima serata su Rai4 col commento fuoricampo di Marco Ardemagni e Filippo Solibello di "Caterpillar" (Radio2), ma dall'Italia si potrà televotare solo giovedì. La finale si terrà sabato 10 maggio e andrà invece in onda su Rai2 col commento di Nicola Savino e Linus (a cui spetterà anche il compito di leggere la classifica dei brani secondo il pubblico italiano). L'Italia verrà rappresentata da Emma, che è stata scelta da una commissione interna alla Rai (nei tre anni precedenti, si era invece optato per un concorrente del Festival di Sanremo e, nell'anno in cui lo vinse Emma, la scelta ricadde su Nina Zilli). Emma, con un brano da lei scritto e composto ("La mia città"), passa direttamente alla finale poiché l'Italia fa parte dei cosiddetti Big Five: i cinque maggiori contribuenti dell'EBU (Unione europea di radiodiffusione).

La classifica che decreterà il vincitore si baserà al 50% sul televoto del pubblico europeo e al 50% sul voto di giurie di esperti selezionati per ogni nazione. La giuria italiana di quest'anno è composta da Luca De Gennaro (VP Talent & Music per MTV e voce di Radio Capital), Paola Folli (cantante), Andrea Mirò (cantautrice e musicista), Andrea Laffranchi (giornalista del Corriere) e Francesco Pasquero (discografico della Sugar).

Nelle tabelle che seguono, abbiamo raccolto un po' di dati sui concorrenti: il loro seguito sui social, le visualizzazioni su YouTube dei loro brani e le loro possibilità di vittoria secondo i bookmaker.

Per quel che riguarda Twitter e Facebook, Emma, coi suoi 750mila follower su Twitter e più di 2 milioni e mezzo di fan su Facebook, è di gran lunga l'artista di maggiore successo (almeno in patria).


https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/_6QtBnpOlUhHvM0_H1lk979Me3M=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fwww.rockol.it%2Fimg%2Ffoto%2Fupload%2FESC-grafico1.jpg

Col grafico seguente, lo scarto tra Emma e gli altri concorrenti è ancora più evidente. La cantante ha più like sulla sua pagina ufficiale di tutti gli altri artisti messi insieme, mentre se calcoliamo tutti i follower di tutti gli artisti dello Eurovision, il profilo di Emma ne raccoglie addirttura due terzi.


https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/8CDfLFai9Lk4SDvezA_97YkbJ5U=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fwww.rockol.it%2Fimg%2Ffoto%2Fupload%2FESC-grafico2.jpg

Solo i polacchi Donatan e Cleo, pur avendo tenuto in considerazione le pagine ufficiali di entrambi gli artisti, possono avvicinarsi ai numeri di Emma su Facebook (ma non si trovano su Twitter). Sono molto popolari in patria anche l'olandese Ilse De Lange, che si presenta a Copenhagen col suo progetto country The Common Linnets, e il montenegrino Sergej Ćetković. L'andamento sui social non è sicuramente un parametro utile per prevedere chi vincerà, ma ci permette di capire meglio le scelte di ogni paese. Non deve stupire se alcuni concorrenti hanno così poco seguito: in molte nazioni l'accesso alla gara viene guadagnato tramite appositi concorsi o talent show ai quali i grandi nomi del mercato locale raramente partecipano. Malgrado la sua importanza, si direbbe che lo Eurovision resti perlopiù un'opportunità per cantanti esordienti.


https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/O4Rn8oqq2lErs7SbMKnZ4uYEd-g=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fwww.rockol.it%2Fimg%2Ffoto%2Fupload%2FESC-grafico3.jpg

Le visualizzazioni su YouTube sul canale ufficiale dello Eurovision raccontano una storia del tutto diversa. Qui l'attenzione si concentra su Aram MP3, il super-favorito armeno con un'intensa ballata tinta di dubstep, e Conchita Wurst, la drag queen austriaca destinata a diventare il vero fenomeno virale dell'edizione.

Infine, diamo un'occhiata alle quotazioni dei bookmaker secondo una delle principali agenzie di scommesse. Come già accennato, la vittoria dell'Armenia - che già lo scorso anno affidò al chitarrista dei Black Sabbath Tony Iommi il compito di firmare il brano portato in gara dal proprio artistia - è data quasi per certa, ma vanno anche bene, come da tradizione, i paesi del blocco scandinavo e, a sorpresa, il Regno Unito. Dopo molti anni di risultati mediocri o addirittura disastrosi, la scelta è ricaduta su un volto nuovo (Molly) e una canzone scritta apposta per l'occasione cercando il giusto equilibrio di contemporaneità e tradizione.
Emma, per il momento, si posizionerebbe a metà classifica, ma molto dipende dalle semifinali e soprattutto dal collocamento in scaletta durante la trasmissione, che viene scelto con un sorteggio. È infatti molto raro che i cantanti che si esibiscono all'inizio del lungo evento televisivo riescano poi a vincere.


https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/FPIcZcrpnvA6xKj-1mHcEum6NLA=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fwww.rockol.it%2Fimg%2Ffoto%2Fupload%2FESC-grafico4.jpg


(Pop Topoi)