Biografia

Victor Jara è il più giovane di quattro figli; cresce in povertà trasferendosi - assieme alla madre e alla sorella – a Santiago per sfuggire all’alcolismo del padre e per far curare la sorella in ospedale a seguito di un incidente avvenuto proprio per la dipendenza del genitore.
Dopo la morte della madre per un infarto nel marzo del 1950, Victor passa qualche tempo ospitato a casa di amici; a quindici lascia la scuola per entrare in seminario, ma cambia progetti e si arruola nell’esercito dove viene congedato nel 1953.
Incomincia a studiare teatro al’Università del Cile e – terminati gli studi – incontra Violeta Parra, una famosa cantante folk cilena, grazie alla quale incomincia a suonare in vari locali. Nel 1966 esce così il suo primo album omonimo. La musica diventa il suo primo interesse, tanto da lasciare il teatro per dedicarsi completamente ad essa.
Victor scrive soprattutto canzoni di protesta, che diano voce alla classe operaia cilena, in un periodo storico importante per il paese grazie all’elezione di Salvador Allende ai vertici del Popular Unity Coalition. Purtroppo escono solo due lavori: CANTO LIVRE (1970) e LA POBLACIÓN (1972). Il terzo – CANTO POR TRAVERSURA – viene realizzato nel settembre 1973 in concomitanza con l’uccisione di Jara da parte della giunta militare capeggiata dal generale Pinochet. La sua memoria viene portata avanti dalla moglie Joan Turner che lasciando il Cile in gran segreto, porta con sè le registrazioni del materiale scritto da Jara. (23 dic 2008)