«LED ZEPPELIN - IL MARTELLO DEGLI DEI - Davis, Stephen» la recensione di Rockol

Davis, Stephen - LED ZEPPELIN - IL MARTELLO DEGLI DEI - la recensione

Recensione del 04 feb 1998

Voto 0/10

La recensione

Il ritorno discografico di Jimmy Page e Robert Plant vuol dire, ancora una volta e nonostante loro, Led Zeppelin. Nome che è tornato d’attualità sui giornali per una serie curiosa di coincidenze: un doppio CD live tratto dalle session registrate anni fa per la BBC e mai pubblicate (almeno ufficialmente), e adesso un nuovo album e un tour (per non parlare della prossima apparizione sanremese) a firma Page e Plant, ma che, siamo sicuri, scomoderanno il mitico passato del gruppo soprattutto nel corso dei concerti, dove più difficile è resistere alla tentazione di scatenare il delirio con il riff di "Whole lotta love" o "Black dog". Dell’epopea dei Led Zeppelin, dalla nascita del gruppo fino al suo scioglimento (anzi, per essere precisi il racconto si interrompe all’indomani della prima ricostituzione degli Zep, avvenuta nel corso del Live Aid del 1985), parla in modo insuperato questo volume di Stephen Davis, attento a ricostruire tanto le vicende musicali che quelle personali del gruppo. Si sa, i Led Zeppelin non furono un gruppo ‘facile’ da gestire, e anzi a lungo godettero della fama di band ‘diabolica’ o quanto meno dedita ad una vita che incrociava genialmente la più sana ignoranza e trasgressione rock’n’roll al raffinato culto dell’esoterismo professato dal chitarrista Jimmy Page, ‘fan’ del principe dei maghi neri Aleister Crowley. "Il martello degli dei" spiega fin dove è possibile ombre e luci del Dirigibile rock più famoso del mondo, illuminando di particolari umani le incisioni e le registrazioni musicali che mezzo mondo conosce a memoria. Poco apprezzato dagli stessi Zeppelin, stanchi di essere interrogati sugli episodi relativi al loro esibizionismo sessuale o sulla predilezione per il culto di Satana piuttosto che sulla musica, il libro di Davis sembra invece scritto con un intento sufficientemente imparziale, e non è un caso che sia stato più o meno la Bibbia per tutti i fans del gruppo. Una Bibbia che forse fornisce a tratti una versione romanzata della realtà, ma d’altra parte è inevitabile che sia così: la realtà si può cancellare a proprio piacimento, a volte: lo dimostrano gli stessi Plant e Page che, nel retropalco del Live Aid, rispondevano a chi chiedeva loro di una eventuale reunion: "Togliti dai piedi!"...

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.