«DEAR MR. FANTASY - Carlo Massarini» la recensione di Rockol

Carlo Massarini - DEAR MR. FANTASY - la recensione

Recensione del 01 feb 2010

La recensione

Chi è cresciuto negli anni '80 si ricorderà di Carlo Massarini per "Mr. Fantasy", programma avveniristico per i tempi, che introdusse in Italia la videomusica nel 1981, addirittura con qualche mese di anticipo sulla nascita di MTV americana. Massarini è qualcosa di più di quello storico programma: dopo si è occupato di nuovi media con un altro fortunato progrmma, questa volta degli anni '90, "MediaMente". Ma prima si è sempre occupato di musica, come giornalista e conduttore radiofonico.
"Dear Mr. Fantasy" è un racconto della prima fase della carriera di Massarini, che attraverso i suoi incontri e le sue foto originali rievoca un quarto di secolo decenni di storia della musica, dalla fine dei '60 alla ai primi '80. Un racconto molto personale, sullo stile degli odierni blog per intenderci, con un taglio molto (a volte troppo) nostalgico, con molto ricordi non solo sui cantanti ma anche sui compagni di percorso. A farla da padrone sono soprattutto le foto scattate dallo stesso Massarini: alcune molto belle, altre più semplicemente interessanti come documenti. L'introduzione è di Edmondo Berselli, la post-fazione di Jovanotti.
Una curiosità: a pag. 330 c'è l'ennesima citazione della famosa "scrivere di musica è come ballare di architettura". Qua "scrivere" diventa "dibattere" e la frase viene attribuita a Sting, dopo Frank Zappa, Elvis Costello, etc. La storia di questa frase, invece data ad inizio secolo: vi risegnaliamo un sito già citato tempo fa da queste parti, che ne ricostruisce la storia: http://home.pacifier.com/~ascott/they/tamildaa.htm
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.