«WEEZER - Weezer» la recensione di Rockol

I dischi fondamentali del rock: "Weezer" degli Weezer

Un album al giorno attraverso le recensioni del libro "Rock: 1000 dischi fondamentali. Più 100 dischi di culto”, curato da Eddy Cilia e Federico Guglielmi (con Carlo Bordone e Giancarlo Turra) per Giunti. Ecco la scelta odierna dalla sezione “Capolavori

Recensione del 25 lug 2020

La recensione

Nessun disco simboleggia il cambio generale di umore che traversò a un certo punto dei ’90 il rock americano come l’omonimo esordio degli Weezer. Quello che a posteriori verrà battezzato il BLUE ALBUM per distinguerlo dal terzo e pure omonimo lavoro dei Californiani, il GREEN ALBUM (e dal sesto, il RED ALBUM; dal decimo, il WHITE ALBUM; dal tredicesimo, il BLACK ALBUM) vedeva la luce il 10 maggio 1994. Kurt Cobain si era suicidato cinque settimane prima e chi aveva più voglia di nichilismo? Singolare contrappasso per un’epoca che il debutto di Rivers Cuomo e compagni vedesse la luce per la medesima etichetta dei Nirvana.

Più che musicalmente, giacché sotto quell’aspetto non mancavano vicinanze (a partire dalla comune discendenza dai Pixies), gli Weezer si rivelavano antitesi del gruppo di NEVERMIND (e soprattutto di IN UTERO) esistenzialmente: la vita affrontata con piglio leggero e ne sintetizzava magistralmente lo “spirit” diversamente “teen” il geniale video del primo grande successo, Buddy Holly, con immagini dei ragazzi mischiate a scene da Happy Days. Alla platea generalista gli Weezer piacevano subito, alla nazione alternative meno e anzi in tanti, stampa specializzata in testa, a torto li intruppavano nella terza – sfiatata e ruffiana – leva del grunge.

All’uscita nel settembre 1996 di PINKERTON il linciaggio mediatico sarà montato a tal punto da danneggiare le vendite e indurre un giornale di solito buonista come “Rolling Stone” a eleggerlo peggiore disco dell’anno. Bizzarramente, nei ben cinque anni di attesa per il successore gli Weezer godranno invece di una costante rivalutazione e il nuovo secolo li vedrà passare di trionfo in trionfo. Bizzarro anche che abbia avuto bisogno di rivalutazioni un esordio che ascolto dopo riascolto si conferma il capolavoro quasi intero di power pop rivisitato che parve da subito a chi lo affrontò senza pregiudizi.

Sforbiceresti magari di qualche minuto una conclusiva "Only In Dreams" tirata troppo in lungo, ma il resto è perfetto: dalla collisione fra riff granitico e melodia morbida di "My Name Is Jonas" a una "In The Garage" alla Green Day, passando per i Ramones apocrifi di "No One Else" e per una "Undone grunge" con moderazione; ovviamente, per la scanzonata quanto energica "Buddy Holly".

Il testo qui sopra riprodotto è tratto, per gentile concessione dell'editore e degli autori, dal volume "Rock: 1000 dischi fondamentali. Più 100 dischi di culto” , curato da Eddy Cilia e Federico Guglielmi (con Carlo Bordone e Giancarlo Turra) , edito da Giunti nel 2019.  Il libro è acquistabile qui.

TRACKLIST

01. My Name Is Jonas (03:24)
02. No One Else (03:04)
04. Buddy Holly (02:39)
06. Surf Wax America (03:06)
07. Say It Ain't So (04:18)
08. In The Garage (03:55)
09. Holiday (03:24)
10. Only In Dreams (07:59)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.