«I MORTALI - Colapesce e Dimartino» la recensione di Rockol

Colapesce e Dimartino sono la controparte di Tommaso Paradiso e Calcutta

Pop d'autore o cantautorato pop? Il loro album congiunto "I mortali" è già un piccolo cult. La recensione.

Recensione del 08 giu 2020 a cura di Mattia Marzi

Voto 7/10

La recensione

Pop d'autore o cantautorato pop? Non sono proprio sinonimi.

Pop d'autore è un'espressione fin troppo generica. Cosa può voler dire? Fondamentalmente, tutto il pop è d'autore, se non altro perché dietro a una canzone c'è sempre il lavoro di uno o più autori - okay, certe firme sono più prestigiose e più rispettabili di altre, ma questo è un altro discorso e non è il caso di affrontarlo in una recensione. Cantautorato pop, invece, rimanda a un'idea di cantautorato che pur non rinunciando ai contenuti e ai messaggi "profondi" e "nobili" di quello tradizionale guarda per melodie e suoni al pop. È una formula che si presta bene a descrivere "I mortali", l'album congiunto di Colapesce e Dimartino, frutto di un'operazione che ricorda le collaborazioni su disco di certi giganti della tradizione cantautorale italiana (una rarità, considerando che a parte lavori come "I Cani non sono i Pinguini non sono I Cani", lo slipt Ep di Niccolò Contessa con i Gazebo Penguins, di sodalizi del genere con protagonisti esponenti della nuova leva cantautorale italiana non ne vengono in mente parecchi).

A pensarci bene, i due cantautori siciliani rappresentano nel nuovo cantautorato italiano, quello del giro "indie", la controparte (positiva? negativa? dipende dai punti di vista) di Tommaso Paradiso e Calcutta: con dischi come "Un meraviglioso declino" e "Egomostro" (del primo) e "Cara maestra abbiamo perso" e "Sarebbe bello non lasciarsi mai, ma abbandonarsi ogni tanto è utile" (del secondo) sono diventati negli anni due punti di riferimento della scena, e quando l'indie è diventato un fenomeno mainstream (l'uno-due "Mainstream"-"Completamente sold out", tra il 2015 e il 2016) piuttosto che cedere alle tendenze del mercato hanno continuato a percorrere la loro strada, andando controcorrente (riempire i palasport e piazzare qualche tormentone in cima alle classifiche, evidentemente, non è tra le loro priorità).

È proprio a certi colleghi che sembrano rivolgersi ne "Il prossimo semestre", il brano che apre il loro disco congiunto e che ne rappresenta per certi versi il manifesto: lì i due cantautori siciliani si divertono a raccontare tutti i luoghi comuni del nuovo (cant)autorato italiano, dalla tendenza a evitare temi scomodi ("E che faccio, parlo di migranti? Per carità, migranti no") alla necessità di piacere a tutti i costi "a una ragazza del 2000" (è il pubblico di riferimento dell'ItPop, quello al quale oggi si rivolge chi fino a quattro o cinque anni fa si esibiva sui palchi dei circoli Arci). Una parodia che suona come una contro-dichiarazione d'intenti, ma che nasconde anche un pizzico di sincerità.

Perché Colapesce e Dimartino sanno bene che il cantautorato stile Ciampi, Guccini o Claudio Lolli è démodé nella scena italiana del post-indie. Roba da sfigati. Ma piuttosto che guardare all'ItPop, nella loro coerenza musicale e stilistica preferiscono recuperare il cantautorato pop dei Baustelle, anello di congiunzione tra la scena indie degli Anni '90 e quella degli Anni Duemila, eredi a loro volta del Battiato pop - ma non per questo disimpegnato: tutt'altro - Anni '80. Gli echi della band toscana e del cantautore siciliano compaiono e ricompaiono qui e là nel corso del disco, da "Rosa e Olindo" (ispirata alla storia dei due coniugi ritenuti coinvolti nella strage di Erba) a "Adolescenza nera", passando per "Luna araba" (dedicata, come buona parte delle canzoni dell'album, alla loro Sicilia - c'è anche la conterranea Carmen Consoli), "Cicale" e "L'ultimo giorno" (ai cori c'è Adele Nigro, già frontwoman degli Any Other). Mischiandosi talvolta a produzioni più up-to-date: in "Parole d'acqua" c'è lo zampino di Frenetik&Orang3 e in "Majorana" quello di Mace, produttori già al fianco dei principali protagonisti della scena rap e urban italiana (gli altri brani sono stati invece prodotti da Federico Nardelli, Giordano Colombo e Mario Conte).

È così che tra melodie deliziosamente pop (le stesse "Rosa e Olindo" e "Luna araba" non avrebbero sfigurato sul palco dell'Ariston - i due avevano provato a partecipare con "Cicale", ma sono stati scartati) e atmosfere da Discoring che accompagnano testi che non scadono mai nel banale (più da cantastorie che da cantori della quotidianità - sullo sfondo c'è quasi sempre la Sicilia, della quale raccontano vizi e virtù), nella facile trovata o nelle trollate dell'ItPop (niente tachiprine 500, niente "love mio", niente vecchie che ballano: ), con "I mortali" Colapesce e Dimartino consolidano la loro posizione nella scena cantautorale contemporanea non allineata. Consegnando nelle mani dei suoi seguaci un disco che è già un piccolo cult.

TRACKLIST

01. Il prossimo semestre (02:55)
02. Rosa e Olindo (03:41)
03. Luna Araba (03:19)
04. Cicale (03:45)
05. Parole d'acqua (03:05)
06. Raramente (03:40)
07. L'ultimo giorno (03:52)
08. Noia mortale (03:46)
09. Adolescenza nera - prod. Mace (03:16)
10. Majorana (04:16)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.