«TRADITIONAL TECHNIQUES - Stephen Malkmus» la recensione di Rockol

Quella 12 corde di Stephen Malkmus...

Tra folk americano e sitar, ecco l'ultimo album dell'ex Pavement

Recensione del 14 mar 2020 a cura di Daria Croce

Voto 8/10

La recensione

Ogni volta che penso a Malkmus mi viene in mente la spilletta che da circa 20 anni è fissata alla cinghia della mia chitarra, presa a un concerto del Nostro insieme ai suoi Jicks a inizio Duemila.
Quel gadget, con la scritta “Who The Fuck Is Stephen Malkmus?”, rappresenta la vena ironica dell’ex Pavement, la sua voglia di divertirsi e il non prendersi troppo sul serio, nonostante rappresenti una delle figure più iconiche dell’indie anni Novanta.

Non prendersi troppo sul serio non significa non prendere sul serio quello che si fa. Tant’è che Malkmus ha sfornato tre album in un paio di anni, iniziando con “Sparkle Hard” ancora coi Jicks nel 2018, per poi proseguire da solista con “Groove Denied” nel 2019 e ora con “Traditional Techniques”.

Questo album, fortemente acustico, ci accompagna lungo un viaggio nelle radici del folk americano, contaminato da sonorità orientali e arrangiamenti di sitar, a partire dal brano di apertura “ACC Kirtan”.
È un viaggio lento come queste giornate di quarantena, ma tranquillo: tra accenni di fingerpicking e slide, si tratta di 11 tracce che ti fanno respirare a pieni polmoni tra gli spazi aperti delle lunghe strade americane, con l’orizzonte a perdita d’occhio - e in questo periodo, non è cosa da poco.

Malkmus si è avvalso della collaborazione di Chris Funk, chitarrista dei Decemberists, Matt Sweeney dei Chavez e del musicista afgano Qais Essar, per pubblicare un album che rende omaggio alla tradizione folk a stelle e strisce, con qualche novità.

Per la prima volta, infatti, Stephen suona una 12 corde e, da quanto ha raccontato a “Rolling Stone” nel corso di un’intervista, pare che tutto sia partito da lì: “Ho una chitarra a 12 corde che ho comprato qui a Portland, l’avrò pagata 700 dollari. Ho cercato di rivenderla in un negozio, ma mi hanno detto: ‘Questa è sfondata, posso darti 300 dollari’. Ho risposto: ‘Non hai rispetto per questa chitarra! Ti dimostrerò cosa può fare’”.  E lo ha dimostrato.

TRACKLIST

01. ACC Kirtan (06:19)
02. Xian Man (04:06)
04. Cash Up (04:06)
05. Shadowbanned (03:23)
07. Flowin' Robes (02:52)
08. Brainwashed (04:58)
09. Signal Western (03:46)
10. Amberjack (04:15)
11. Juliefuckingette (03:01)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.