«SPARKLE HARD - Stephen Malkmus» la recensione di Rockol

Scintille opache per un ex Pavement

Il nuovo lavoro solista di Malkmus non lascia esattamente il segno

Recensione del 30 mag 2018 a cura di Daria Croce

La recensione

Oggi Stephen Malkmus compie 52 anni e per l’occasione ho riesumato una spilla, uscita in occasione del primo album che aveva pubblicato con The Jicks dopo lo scioglimento dei Pavement, con la scritta “Who The Fuck Is Stephen Malkmus?”. Al ragazzo ironia e leggerezza non sono mai mancate.

E, ascoltando questo disco, si ha un’ulteriore conferma di quanto si diverta ancora in studio. È sempre lui, certo coi capelli brizzolati, ma beato lui che li ha ancora.

“Sparkle Hard” è il settimo album firmato Stephen Malkmus & The Jicks e la formula è più o meno sempre la stessa. Non è giusto guardare al passato, ma in questo caso è praticamente impossibile non rimpiangere nemmeno per un secondo la follia dei Pavement. Ed è difficile non pensare ai vecchi fasti di una band se il solista ne è stato il frontman e la mente. Stessa voce, stesso stile: per forza si tende a confrontare le canzoni di oggi agli anni d’oro di uno dei gruppi più incisivi nell’indie rock. “Middle America”, poi, sembra davvero una di quelle tracce scartate e poi riprese a distanza di vent’anni.

Così, ascoltando “Sparkle Hard” (mai titolo fu più illusorio), si ha la sensazione di mangiare una mozzarella del sacchetto - quelle più economiche, per capirci - rimpiangendo il gusto di quella pugliese che ti eri comprato in latteria ad Alberobello.

E siccome in questo viaggio nel passato non manca più nessuno (forse giusto i due leocorni), in “Refute” spunta Kim Gordon, prestando la voce a un brano metà Pavement e metà country. Per fortuna, trattandosi della penultima canzone, ne rimane solo una.

Giunti al capolinea, la prima cosa che viene in mente è il commento di Noel Gallagher sull’ultimo album degli Arctic Monkeys: “Ora che l’ho ascoltato, non so che farmene”.

Stephen, lo sai, anche noi come Noel, e come te, siamo un po’ guasconi. Però, anche tu, la prossima volta, invogliaci almeno a riascoltare un tuo disco nuovo...

TRACKLIST

01. Cast Off (02:54)
02. Future Suite (02:43)
03. Solid Silk (04:37)
04. Bike Lane (03:34)
05. Middle America (03:31)
06. Rattler (03:08)
07. Shiggy (03:16)
08. Kite (06:40)
09. Brethren (02:51)
10. Refute (03:24)
11. Difficulties / Let Them Eat Vowels (07:03)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.