«ROUTINE - Shiva» la recensione di Rockol

“Routine EP”: dopo un 2019 ricco di collaborazioni, Shiva riparte da un progetto solista

Il rapper classe '99, dopo aver firmato strofe in alcuni dei progetti più importanti dello scorso anno, si racconta nel suo nuovo EP

Recensione del 04 feb 2020 a cura di Riccardo Primavera

La recensione

Era il 2015 quando Shiva, appena sedicenne, si aggiundicava la vittoria del One Shot Game, il contest di Honiro che gli permette di entrare nella scuderia dell'etichetta romana. Da allora, in soli quattro anni, di acqua sotto i ponti ne è passata parecchia: il rap italiano ha vissuto non poche evoluzioni stilistiche, diversi artisti hanno reclamato il proprio spazio, alcuni sono diventati fenomeni nazionali, altri proprio nazionalpopolari – grazie alla crescita impressionante del genere, in termini di bacino d'utenza.

Immerso in questo periodo particolarmente florido, Shiva ha continuato a lavorare a testa bassa, concentrandosi sul proprio percorso solista: tra 2017 e 2018 pubblica per Honiro gli album “Tempo anima” e “Solo”, prima di abbandonare la label e tornare a muoversi da indipendente. Nei due anni successivi, tra remix di successo - “Kooda RMX”, “Thotiana RMX” e “Stai Zitto RMX” -, singoli d'impatto - “Santana”, “Guai”, “Bossoli” - e collaborazioni di spessore – Emis Killa, Pyrex, Capo Plaza, Sfera Ebbasta, le strofe in “Machete Mixtape 4” e “Mattoni” di Night Skinny – , il rapper classe '99 ha visto crescere il proprio pubblico con costanza, passando da promessa interessante a certezza del nuovo panorama rap italiano. Un biennio di tutto rispetto, che lo ha portato ad aprire il 2020 con le luci di molti riflettori puntate su di lui.

“Routine EP” è il primo disco di Shiva prodotto e distribuito da Jive Records/Sony Music Italy. L'EP, composto da 7 tracce, ribadisce il sodalizio artistico tra il rapper e il produttore Adam11, che firma tutte le strumentali presenti – ad eccezione di “Calmo”, prodotta da tha Supreme. Il giovanissimo artista romano compare anche al microfono, nella stessa traccia, mentre le altre due collaborazioni sono con Capo Plaza in “Chance” e con Marracash in “Milano Ovest”.

Se l'anno scorso le strofe di Shiva sono state caratterizzate da un mix letale di autocelebrazione, tecnica e sfrontatezza giovanile, arricchite da una tecnica notevole, in “Routine EP” il rapper milanese ha dato rilevanza anche alla sua vena autobiografica, più riflessiva e personale. Diverse tracce portano infatti con sé un carico di pensieri e sfumature più introspettive, legate al passato e alle difficoltà superate, ma anche al futuro, ai timori nei confronti del successo. Non mancano episodi più leggeri e spensierati però, come “Scarabeo” o “Calmo”, oppure “Figlio della Calle”, un pezzo dall'immaginario street immerso nelle sonorità latineggianti. L'ossatura principale del progetto resta comunque più intima: “Domani” e “Chance” rappresentano rispettivamente lo sguardo al futuro e quello al passato, mentre “Diario di Noel” sotto forma di allegoria racchiude passato, presente e futuro del rapper.

Il punto più alto del progetto è “Milano Ovest”: il brano realizzato in collaborazione con Marracash tira fuori il meglio dalle liriche di Shiva, che dà vita ad una serie di storytelling per istantanee, brevi ed intensi, perfettamente in linea con le atmosfere smooth ed evocative della strumentale. L'immaginario delle barre sembra quasi un omaggio a Marracash, che in carriera ha firmato diverse strofe seminali con questo stile; il rapper di Barona cambia però registro per l'occasione, ribaltando la struttura della narrazione in chiusura di strofa, trasformandosi da testimone a protagonista dei suoi versi.

“Routine EP” è la conferma del potenziale dimostrato fin'ora da Shiva, che a 20 anni ribadisce di essere molto più di un fenomeno legato solo ai trend sonori e stilistici del momento. Un tassello utile ad aggiungere spessore ad una carriera che è solo all'inizio, ma che ha già raggiunto traguardi importanti.

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.