«SOYUZ 10 - Mario Venuti» la recensione di Rockol

Mario Venuti chiude la trilogia "mente-corpo-cuore" con il nuovo "Soyuz 10"

Il cantautore siciliano torna con un disco raffinato ed elegante nella sua leggerezza: dopo la ragione e il fisico, in questo lavoro si dà risalto al cuore e ai sentimenti, tornando a parlare di amore, oltre che di attualità.

Recensione del 10 giu 2019 a cura di Francesco Arcudi

La recensione

Il cantautore siciliano, con questo progetto, chiude una sorta di trilogia "ragione-corpo-cuore": dopo “Il tramonto dell’occidente”  e “Motore di vita” . Spiega infatti a Rockol che, laddove il disco del 2014 era incentrato sulla ragione e quello di due anni fa invece era molto fisico, in questo si dà risalto al cuore e ai sentimenti, tornando a parlare di amore, oltre che di attualità.

“Soyuz 10” - il titolo viene dal microfono usato in studio più un numero che indica che questo è il decimo disco solista dell’ex cantante dei Denovo - parte alla grande con “Il vaso di Pandora”, in cui il cantautore accenna alla dipendenza che oggi un po’ tutti abbiamo dalla tecnologia, su una base pop/rock con tante chitarre. Continua poi con il primo singolo “Il pubblico sei tu”, una sorta di inno motivazionale sull'importanza di pensare prima a sé stessi, su un ritmo dance che richiama il genere dell’album precendente, anche se qui tutto è meno elettronico e più suonato. Questa, musicalmente parlando, è la differenza fondamentale con l’album precedente: qui ci sono archi, fiati e persino un organo Hammond, pur mantenendo un sound molto attuale (“sfido chiunque oggi - dice Venuti - a fare un disco senza usare ProTools e computer”).

Senza citare tutti i dodici brani di “Soyuz 10”, diremo che sono tutti molto belli, con testi interessanti e musicalmente molto vari. Tra i preferiti, “Il tempo di una canzone” dalla melodia vagamente orientaleggiante, a cui dà grande respiro l’arrangiamento per orchestra, che lo rende un pezzo di perfetta musica leggera italiana. E poi il delizioso reggae di “Ciao cuore”, con un testo che porta a riscoprire i sentimenti, perché è impossibile vivere senza. “Siamo fatti così” ricorda invece i bei brani melodici anni ‘60, alla Bindi o Paoli, con un testo che invita ad essere sempre se’ stessi. E infine il brano di chiusura, la bella bossanova che ricorda l’amore di Venuti per i ritmi brasiliani (ricordate “Fortuna”?) con un testo che gioca con le illusioni temporali e un ipotetico viaggio nel futuro, e un arrangiamento per orchestra davvero magistrale. Decisamente un disco raffinato ed elegante nella sua leggerezza, il cui ascolto si fa tutto d’un fiato senza mai annoiarsi: di questi tempi non è poco.

TRACKLIST

01. Il vaso di Pandora (03:10)
02. Il pubblico sei tu (03:15)
05. L'essenza (03:53)
07. Promessa infinita (03:51)
09. Ciao cuore (03:46)
10. Siamo fatti così (03:31)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.