«EMERALD VALLEY - Filthy Friends» la recensione di Rockol

Tornano gli amici Peter Buck e Corin Tucker: il secondo album dei Filthy Friends

L'ex R.E.M. e la cantante delle Sleater-Kinney producono un album rock e politico, che stupisce un po' meno del precedente, ma si fa apprezzare

Recensione del 15 mag 2019 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Qualche tempo fa abbiamo intervistato Steve Wynn a proposito del disco nuovo dei Dream Syndicate: tra una chiacchiera e l'altra mi ha raccontato della moglie Linda Pittmon, batterista, al lavoro in contemporanea su 4 dischi con Peter Buck dei R.E.M..
E' cosa nota l'iperproduttività del chitarrista dopo lo scioglimento della band nel 2011. Ne abbiamo parlato spesso da queste parti: un profilo più basso, nessuna pressione da star del mainstream e una miriade di piccoli progetti in parallelo. Tra questi i Filthy Friends, che evidentemente non sono un fuoco di paglia: il gruppo è nato dall'amicizia e dalla sintonia con  Corin Tucker delle Sleater-Kinney, coinvolta in uno dei primi (ma un po' sghangherati) dischi solisti di Buck. A completare la band, Scott McCaughey, Kurt Bloch e appunto la Pittmon (che ha preso il posto di Bill Rieflin).

La prima prova della band, "Invitation", era arrivata nel 2017 e a momenti sembrava di sentire i primi R.E.M., quelli di "Murmur" e "Reckoning", con una bella voce femminile. A questo giro la band mantiene intatta la carica rock e punta molto sulla politica (diversi brani dedicati alla presidenza Trump, a partire da "November man"). Certo, le chitarre di "Only Lovers Are Broken" ricordano quel rock, ma per lo spettro sonoro è un po' più ampio. Non di molto, perché sempre di rock anni '80 e '90 parliamo: ma l'alchimia tra i due membri principali della band si sente eccome. "Hey Lacey" chiude l'album con solo voce, chitarre elettriche e piano: è il momento in questa intesa è più evidente.

Forse manca un po' l'effetto sorpresa del primo album, ma "Emerald valley" è un disco che non parla solo ai fan delle band coinvolte. E' un buon disco di rock classico, che dà esattamente quello che promette. La bella notizia è che fanno sul serio.

TRACKLIST

01. Emerald Valley (03:58)
02. Pipeline (04:14)
03. November Man (03:00)
04. Only Lovers Are Broken (03:24)
05. Angels (03:54)
06. The Elliott (03:23)
07. One Flew East (03:34)
08. Break Me (02:45)
09. Last Chance County (02:51)
10. Hey Lacey (03:46)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.