«L'AB - Beatrice Antolini» la recensione di Rockol

Beatrice Antolini: leggi qui la recensione di "L'AB"

Un ritorno sulle scene all'insegna dell'elettronica per la cantautrice di Macerata, a tre anni di distanza dall’ultimo lavoro in studio.

Recensione del 10 apr 2018 a cura di Marco Jeannin

La recensione

“L’AB” è un concept album che parla dell’attuale periodo storico nel quale tutti viviamo. Non è una critica, ma piuttosto una lucida e spietata analisi delle nuove meccanicità e dinamiche umane, scandagliandone vizi e peccati. Non uno sguardo dall’alto da chi ne è estraneo o non coinvolto ma una visione (più o meno consapevole) dall’interno, da chi ci nuota dentro… a volte standoci male a volte sguazzandoci.

E con questo Beatrice arriva a sei. “L’AB” è infatti il sesto lavoro in studio per la cantautrice di Macerata, un lavoro all’insegna dell’elettronica dal sapore fortemente nord europeo, confezionata in toto da Beatrice Antolini stessa che in questo album oltre a scrivere tutti i testi e le musiche, ha suonato tutti gli strumenti (chitarra, basso, batteria, percussioni, synth, piano e programmazioni elettroniche), arrangiato, prodotto, registrato e mixato tutti i brani. “L’AB”: Antolini Beatrice... più chiaro di così...

Sono passati dodici anni da “Big saloon” e quello che abbiamo in mano oggi è il disco più interessante della recente produzione della Antolini, un disco fondamentalmente pop per quanto sui generis, un pop alla Fever Ray tanto per capirci. Fever Ray che al pari di St. Vincent effettivamente potremmo prendere come reference per capire il modo in cui la Antolini ha approcciato questo nuovo lavoro, un disco contraddistinto da una marcata impronta elettronica che però non disdegna la melodia agrodolce all’occorrenza, giusto per dare ulteriore profondità al tutto, vedi la ballad “I’m feeling lonely” tanto per capirci. Un lavoro che ha in pezzi come l’opening “Insilence” e nei singoli “Forget to be” e “Second life” i veri punti di forza, pezzi sintetici, cupi, taglienti che riflettono perfettamente il concept di partenza, la famosa analisi lucida e spietata nuove meccanicità e dinamiche umane di cui sopra, tra crisi d’identità (la già citata “Forget to be”), domande fondamentali (“What you want”), rapporto con i social e stati d’animo piuttosto altalenanti (“Total blank”), che trovano compimento nella conclusiva “Beautiful nothing”.

La copertina del disco vede la Antolini il cui nome e la cui nudità sono sintetizzatati graficamente da pochi segni tipici del linguaggio social. Una copertina che descrive perfettamente quello che il disco contiene, una Beatrice Antolini altrettanto sintetica, che mette a nudo il suo punto di vista su quello che le sta intorno senza compromessi di sorta, puntando al racconto più che al giudizio. Un'autrice al culmine della maturazione artistica. Tutto questo fa di “L’AB” davvero un ottimo lavoro, un disco senza dubbio rischioso sia in termini di forma che di sostanza. A conti fatti, una scommessa vinta. 

TRACKLIST

01. Insilence (03:44)
02. Forget to Be (03:15)
03. Second Life (04:10)
04. Subba (03:01)
05. Until I Became (03:42)
06. Total Blank (02:46)
07. What You Want (03:34)
08. I'm Feeling Lonely (03:47)
09. Beautiful Nothing (03:20)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.