«ALL NERVE - Breeders» la recensione di Rockol

Dieci anni dopo un nuovo album dei Breeders, "All nerve"

Pochi ma buoni gli album dei Breeders, "All nerve" non fa eccezione.

Recensione del 07 mar 2018 a cura di Paolo Panzeri

La recensione

Tornano a pubblicare un album i Breeders o le Breeders, come, forse sbagliando, le ho sempre chiamate data la preponderanza femminile nella formazione. In sé, è una notizia perché erano ormai trascorsi ben dieci anni da “Mountain battles”, ultima loro uscita discografica risalente all’aprile 2008. Ed è anche una buona notizia perché, se è vero che la band non si è mai sciolta - seppur con successivi cambiamenti nella line up a causa dei motivi più diversi - e se è praticamente prassi che trascorrano lunghi periodi di pausa tra un disco e l’altro, aleggia sempre latente il timore che possa non uscire più nulla su disco firmato dalla band guidata da Kim Deal.

Il migliore motivo per salutare come si conviene e prestare la dovuta attenzione all’uscita di “All nerve” – che è solo il quinto album nei trent’anni di vita del gruppo – risiede nel fatto che il disco presenta il quartetto che nel 1993 dette alle stampe “Last splash”, il loro maggiore e celebrato successo: ovvero Kim Deal (chitarra, voce, tastiere), Kelley Deal (chitarra), Josephine Wiggs (basso e voce) e Jim MacPherson (batteria).

Ebbene sì, il piacere di sapere che il marchio Breeders è ancora vivo e vegeto e suonante (addirittura nella loro formazione più gloriosa) non può non avere un suo peso nel giudizio su “All nerve”, del resto credo non possa essere altrimenti. A qualsiasi latitudine, non è un peccato voler tornare nei luoghi in cui si è stati bene. Una operazione che potrebbe rivelarsi non del tutto indolore e che comporta alcuni rischi, il più grosso dei quali è quello di non poter reggere una eventuale delusione all’ascolto. Voglio rassicurarvi e dico subito, scampato pericolo. Ma ciò non è dovuto alla beata nostalgia del tempo e del suono che fu oppure a un eccesso di simpatia e rispetto nei riguardi della invidiabile carriera di Kim Deal. Certo che no. Il nuovo disco ha tutte le carte in regola per avere una sua bella dignità anche se paragonato a “Last splash”, pubblicato un quarto di secolo fa. Per avere un metro di paragone: a quei tempi Silvio Berlusconi non si era ancora impegnato in politica.

“All nerve” è un album Breeders al 100%, tranne che per la buona cover di “Archangel’s thunderbird” (1970) dei pregevoli tedeschi Amon Duul II - che la band ha già avuto modo di proporre dal vivo nel tour statunitense dell’autunno 2017 - e per il cameo della cantautrice australiana Courtney Barnett presente nel coro di “Howl at the summit”. “All nerve” è un album Breeders al 100% e lo si evince sin dai primi trenta secondi della prima canzone “Nervous Mary” che mette in chiaro, immediatamente, quel che accadrà nella mezz’ora successiva: saliscendi sonori che mai rinunciano a una linea melodica, saliscendi testuali che non sono mai comprensibili fino in fondo. “All nerve” è un album Breeders al 100%, ma non è un ‘come eravamo’ intriso di nostalgia. Kim Deal è nel più assoluto controllo della situazione: ha 56 anni, molto ha detto in passato e molto dice nel presente. Bentornata, bentornati.

Doverosa nota di servizio finale: il tour mondiale del gruppo transiterà anche dall’Italia, il 5 giugno a Ferrara e il 6 a Milano, regolatevi di conseguenza.

TRACKLIST

01. Nervous Mary (02:29)
02. Wait in the Car (02:03)
03. All Nerve (02:11)
04. MetaGoth (03:08)
05. Spacewoman (04:21)
06. Walking with a Killer (03:45)
07. Howl at the Summit (02:57)
08. Archangel's Thunderbird (03:25)
09. Dawn: Making an Effort (03:50)
10. Skinhead #2 (02:45)
11. Blues at the Acropolis (02:56)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.