«STAGIONI - Francesco Guccini» la recensione di Rockol

Francesco Guccini - STAGIONI - la recensione

Recensione del 22 feb 2000

La recensione

Imbarazzante. Pretesco. Noioso. Banale. Furbetto. Ripetitivo. Comodo. Soffocante. Svenduto. Predicatorio. Atroce. Saccente. Ampolloso. Insulso. Risaputo. Ovvio. Mellifluo. Imbarazzante. Consolatorio. Retorico. Ipocrita. Impacciato. Patetico. Tronfio. Micidiale. Ridondante. Tremendo. Irritante. Goffo. Penoso. Ammorbante. Presuntuoso. Tromboneggiante. Confuso. Allarmante. Stracotto. Riciclato. Intollerabile. Spuntato. Plateale. Colloso. Inutile. Lagnoso. Autoindulgente. Borbottante. Sconfortante. Penoso. Piagnone. Imbarazzante.

Si adonteranno, lo sappiamo, i seguaci del Santo Cantautore. Ma non saranno certo le brutte parole di un recensore cattivo (e certamente in malafede) a scalfire la luminosa figura di Padre Guccino. Facciano come niente fosse, come è giusto che sia: ognuno si infligge il male che preferisce. Certo il Santo ha ormai scelto di mettere il meglio di sé nei libri gialli o nella redazione di cronache epafaniche. Agli acquirenti dei suoi dischi, che chiedono soprattutto “tristezza che li avvolga come miele” - ovvero piagnistei in cui specchiare la propria autocommiserazione - solo questi riserva, corredati dell’immancabile, compiaciuto riferimento letterario (Cervantes), e della canzone didattica per i figli in kefiah degli adepti (persino Raf, in “Jamas”, era stato meno banale su Che Guevara). Il disco, appena uscito, è andato al n.1 in classifica. Quindi, come si diceva per Elvis, milioni di fans non possono sbagliare. E allora, sia: contenti i devoti, contenti tutti.
Ma in attesa delle stimmate sulla Santa Barba e della proposta di Nobel per la Letteratura - avanzata da Veltroni - ci permettiamo di girare al largo con le gambe in spalla, e consigliare lo stesso ai non praticanti della Chiesa di Culodritto. Sempre che l’Inquisizione, che attende i vigliacchi che osano avanzare perplessità sull’Arte e Poesia del Sommo (chi dissente finisce nell’”Avvelenata”), ce lo consenta.

Postilla
Ci conforta il pensiero che Padre Guccino in “Addio” confessi che “qualche volta si vergogna di fare il suo mestiere”. Sempre “per colpa di altri”, resta inteso - ma comunque è già qualcosina. Siamo commossi.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.