«SAPESSI DIRE NO - Biagio Antonacci» la recensione di Rockol

Biagio Antonacci - SAPESSI DIRE NO - la recensione

Recensione del 20 nov 2017

La recensione

di Luca Albini

Una giovane donna dalle lunghe gambe affusolate, seminuda, è assorta al pianoforte. Un angelo che ha le fattezze di Biagio le sorride, braccia incrociate, occhiali da sole. Un semidio che osserva e protegge attraverso le note di una canzone? Può essere questo il gioco di Antonacci, espresso dall’artwork di Milo Manara sulla copertina che custodisce “Sapessi dire no”, album di 14 brani che indagano la sterminata galassia dei sentimenti. Confezionato nel 2012 con Michele Canova, “Sapessi dire no” è un disco energico, pop, dalle sonorità moderne, che vede in studio, accanto allo stesso Antonacci, Davide Tagliapietra alle chitarre, Christian Rigano alle tastiere, Canova ai synth e alla programmazione, Gareth Brown alla batteria.



Introdotto dal singolo “Ti dedico tutto”, dal testo serrato e caratterizzato dal lavoro di synth e percussioni, l’album ha un grande successo e supera le centomila copie vendute.
Ancora tastiere e programmazione di percussioni in “Dimenticarti è poco”, con la voce così personale di Biagio che racconta di ricordi, capelli e promesse non mantenute. È sensuale la fisarmonica di Massimo Tagliata che accompagna “Non vivo più senza te”, scritta insieme ad Andrea Dessì, che unisce al sole cocente del Sud la passione di una storia d’amore romantica fortificata dalla bellezza di una scenografia d’eccezione: il Salento, che il cantautore descrive, rendendolo il terzo protagonista di un infuocato passo a due. Papaveri e torri antiche, pizzica e vino forte: più bella estate italiana di così non si può. 
La 12 corde di Tagliapietra introduce “Sono stato innamorato”, dal ritornello ad ampio respiro, che promette la rinascita dopo la chiusura dolente di una storia.
Più sostenuta “Naturale”, pop rock alla ricerca di ciò che dovrebbe essere semplice nella vita e spesso non lo è; l’amicizia, l’amore, il senso delle cose.
Chiude il disco la brillante “Liberandoti di me”, dal ritmo incalzante scandito dalle chitarre elettriche e dalla ritmica appassionata.

TRACKLIST

01. Insieme finire (03:59)
02. Ti dedico tutto (03:21)
03. L'evento (04:11)
04. Con infinito onore (02:59)
05. Qui (04:09)
06. Senza un nome (03:29)
08. Sola mai (03:29)
10. Dormi nel cuore (03:49)
12. Naturale (03:14)
13. Liberandoti di me (03:54)
14. Ciao tristezza (03:21)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.