«SOLOWORKS - Bruce Dickinson» la recensione di Rockol

Chiedi chi era Bruce Dickinson...

Un box antologico che raccoglie tutti i lavori di Bruce Dickinson extra-Maiden

Recensione del 31 ott 2017 a cura di Andrea Valentini

La recensione

Bruce Dickinson è uno a cui piace fare tutto. Ma proprio tutto. Canta nella più famosa metal band del pianeta, scrive canzoni, guida aerei di linea, è co-proprietario di una ditta che si occupa di manutenzione di aerei, crea birre griffate Iron Maiden, scrive libri, si diletta con la sceneggiatura, è conduttore radiotelevisivo. E, ovviamente, incide e pubblica anche dischi solisti. Insomma, Dickinson ha preso molto alla lettera il famoso detto per cui “chi fa da sé fa per tre” e ha dimostrato di avere, oltre all’entusiasmo, anche talento praticamente in ogni campo in cui si è cimentato.

Questo box antologico – su vinile, di quello pesante e di qualità da 180 gr. – è un omaggio alla sua carriera come artista solista, quindi extra-Maiden, iniziata nel 1990 quando ancora era nella band (che, lo ricordiamo, lasciò nel 1993, per poi tornare sei anni dopo). I sei dischi inclusi nel cofanetto sono "Tattooed Millionaire", "Balls To Picasso", "Skunkworks" (in versione doppio vinile), "Accident Of Birth" (in versione doppio vinile), "The Chemical Wedding" e  "Tyranny Of Souls" – gli ultimi due per la prima volta disponibili su supporto vinilico.

I fan senza dubbio possiederanno già tutto il catalogo, ma la ghiottoneria di un box in edizione limitata è sicuramente irresistibile. E poi la possibilità di ripercorrere la carriera di Bruce extra-Maiden tutta in una volta è interessante, per un quadro globale esauriente: si passa dall’hard rock sanguigno di "Tattooed Millionaire" alle sonorità più metalliche di "Balls To Picasso", per arrivare al rock di matrice alternativa di "Skunkworks", alla celebrazione dell’heavy sound di "Accident Of Birth", il metal moderno di "The Chemical Wedding" e le incursioni più variegate del più recente "Tyranny Of Souls" (del 2005).

Un cofanetto essenziale, insomma, per celebrare un frontman iconico, ma anche un artista a tutto tondo, interprete del metal e delle sue evoluzioni degli ultimi quattro decenni: un Bignami di storia della musica rock più sanguigna, un romanzo metal in musica, un oggetto da collezionare e da ascoltare…

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.