«1992 DELUXE - Princess Nokia» la recensione di Rockol

Femminismo, attivismo e culi pronti a muoversi: ecco Princess Nokia

Cazzutissima femcee newyorkese classe 1992, Princess Nokia si sta guadagnando l'attenzione di addetti ai lavori e pubblico a livello internazionale grazie al suo audace album d'esordio: ve ne parliamo qui.

Recensione del 20 set 2017 a cura di Mattia Marzi

La recensione

Se M.I.A. è davvero intenzionata a lasciare l'industria discografica, come ha lasciato intendere lo scorso anno, qualcuno è già pronto a rimpiazzarla. Quel qualcuno porta il nome di Princess Nokia, cazzutissima femcee newyorkese classe 1992 che si sta guadagnando l'attenzione di addetti ai lavori e pubblico a livello internazionale grazie al suo audace album d'esordio: un mix di femminismo, attivismo e culi pronti a muoversi.

Destiny Nicole Frasqueri - questo il vero nome della femcee - ha origini per metà africane e per metà portoricane. Cresciuta a East Harlem, quartiere di New York abitato da una minoranza di popolazione di lingua spagnola (si sono stabiliti lì tutti i portoricani che a partire dagli anni '50 si sono trasferiti nella grande mela), ha avuto un'adolescenza piuttosto movimentata: la sera, piuttosto che chattare con le amiche o fare i compiti di scuola, ballava seminuda nei night club del quartiere. Al rap si è avvicinata grazie a Jay-Z e al Wu-Tang Clan e i primi pezzi li ha scritti negli anni del liceo: li pubblicava su Soundcloud e su YouTube con il nome di Wavy Spice.

Anche quando le visualizzazioni hanno cominciato a raggiungere numeri notevoli, lei ha continuato a mantenere un profilo bassissimo: della discografia "tradizionale" e dei servizi di streaming non ne voleva proprio sapere. È stato così fino a quando, lo scorso giugno, ha firmato un contratto discografico con l'etichetta indipendente londinese Rough Trade Records.
Questo album, "1992 Deluxe", è una expanded version dell'EP pubblicato da Princess Nokia prima della firma con l'etichetta, con l'aggiunta di 8 nuove tracce: è il primo disco della femcee ad uscire anche in formato fisico, oltre che digitale.

I 16 pezzi dell'album sono tutti caratterizzati da uno spirito ribelle, per certi versi punk, e da un certo attivismo. Quello stesso spirito che contraddistingue gli album di M.I.A.: in "Brujas" Princess Nokia parla della diaspora africana, "Kitana" è un inno femminista ispirato all'omonimo personaggio del videogioco "Mortal Kombat". In "Tomboy", "maschiaccio", la femcee racconta di quando lo scorso febbraio ha preso a pugni un ragazzo durante un concerto alla Cambridge University, perché l'aveva importunata - sì, Princess Nokia è una davvero tosta. In "Bart Simpson" ricorda la sua adolescenza, quando marinava la scuola ("Non sono la cocca della maestra") e faceva la matta per le strade dei quartieri poveri di New York (non mancano omaggi alla musica e alla cultura della grande mela).
Si parla molto di sessualità, di identità di genere e di corpo: tra i produttori c'è anche Mykki Blanco, uno dei protagonisti della scena queer del rap americano.

Un disco di 16 tracce può rischiare di annoiare, è vero, ma Princess Nokia e i suoi produttori sono stati bravi ad alternare i suoni: ci sono pezzi più suonati come "Bart Simpson", "Saggy Denim", "Green line" e "Goth kid" e "Brick city" e altri più elettronici come "Kitana", "Mine" e "Chinese slippers". Non mancano episodi trap, come "G.O.A.T.", "Brujas", "Excellent", "Flava" e "Different", ma i pezzi sorprendenti sono quelli più old school ("ABCs of New York", "Receipts"): con quel bel faccino, non te la immagini proprio fare brutto.
In generale, il suono è quel mix di rap, pop, trap, latin, r&b e dance che oggi va tanto per la maggiore a livello internazionale - in una sola parola, "urban".

Princess Nokia è brava sia quando rappa (sentite come tiene il ritmo in "Tomboy") sia nei passaggi più melodici. Ha tutte le carte in regola per fare bene, per crescere e sorprendere. E chissà: magari tra qualche anno arriverà pure a riempire gli stadi come fanno le sue colleghe Rihanna e Beyoncé.

TRACKLIST

01. Bart Simpson (03:34)
02. Tomboy (03:37)
03. Kitana (03:17)
04. Brujas (02:58)
05. Mine (03:24)
06. Excellent (02:42)
07. Saggy Denim (03:13)
08. Green Line (03:50)
09. ABCs of New York (03:24)
10. Goth Kid (03:56)
11. Receipts (03:22)
12. G.O.A.T. (02:43)
13. Brick City (02:38)
14. Flava (02:03)
15. Different (02:38)
16. Chinese Slippers (02:25)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.