«NEW YORK - Alessandro Ragazzo» la recensione di Rockol

Alessandro Ragazzo: leggi qui la recensione di New York

Recensione del 01 giu 2017 a cura di Marco Jeannin

La recensione

“New York” è un viaggio all’interno di vari sentimenti ed emozioni, dall’insicurezza alla paura, dalla solitudine fino all’amore. La grande città Americana ha influito tantissimo sui suoni e sulla performance creando un mix tra il rock classico e la musica alternative dei giorni nostri.

Non conoscevo Alessandro Ragazzo, l’ho scoperto con questo EP e penso di aver trovato qualcuno da seguire. E’ un po’ il mestiere di chi scrive di musica, o meglio… è parte del mestiere, e quando capita è sempre un gran piacere. Facciamo quindi le dovute presentazioni per capire di chi stiamo parlando e che cosa ci offre. 

Alessandro Ragazzo è un cantautore alt pop molto giovane, classe 1994. Nonostante la giovane età però, Ragazzo ha già sulle spalle tre EP e un numero bello nutrito di date. Date che lo formano dal punto di vista musicale, riempiendo il bagaglio del cantautore di esperienze piuttosto significative. Membro degli Industria Onirica, il cui album è stato registrato e prodotto da Lele Battista, Ragazzo milita in numerose band tra cui La Febbre del Venerdì 13, Dan’s Apartment, The Rodriguez e Are You Real?. Dopo l’esordio con l’EP Ep “Venice” (Nimiq Records), Alessandro inizia ad esibirsi definitivamente in veste solista, in unplugged o con chitarra e Loop. Di “Venice” pubblica poi una versione unplugged, parliamo del 2016, giusto in tempo per entrare in studio per dare forma al nuovo lavoro. 

Siamo a New York, precisamente ai Flux Studios, e Ragazzo esce con in mano quattro pezzi che vanno a comporre il nuovo EP. Il disco prende inevitabilmente il titolo “New York”, ma la parte ovvia finisce qui. Quella meno ovvia, oserei dire sorprendente, è invece quella musicale, perché i quattro pezzi di “New York” sono un piccolo compendio di ottimo pop cantautorale, venato di rock e dal vago retrogusto alternativo, dove le melodie vanno a tratteggiare paesaggi sonori dal grande impatto emotivo. Suonato interamente con una strumentazione vintage, una buona scelta che rende il tutto nettamente più vivo e corposo e old school, “New York” assesta immediatamente il discorso su binari piuttosto malinconici con l’opening “Freckels”, in cui un giovane Gary Barlow sembra far capolino tra la batteria e la chitarra, perfettamente amalgamate. Sensazione che tendenzialmente torna in “The king came”, pezzo dal sound leggermente più attuale, stile Hurts, “Cellar door”, episodio di maggiore respiro del disco, e nella conclusiva “Alone”, il pezzo che più di tutti prelude a quello che probabilmente sarà il mondo di Alessandro Ragazzo, ora atteso alla prova del full lenght. Un mondo analogico e digitale dove le chitarre (che amano perdersi in assoli d’altri tempi) vanno a mischiarsi ai synth con gran disinvoltura. Un mondo meravigliosamente melodico. Per noi, un mondo tutto da scoprire. 

TRACKLIST

01. Freckles (03:36)
02. The King Came (03:55)
03. Cellar Door (05:16)
04. Alone (04:39)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.