«EMERALD LULLABIES - Jury Magliolo» la recensione di Rockol

Jury Magliolo - EMERALD LULLABIES - la recensione

Recensione del 25 mar 2017 a cura di Redazione

La recensione

Dopo la partecipazione ad "X Factor", nel 2009, Jury Magliolo ne ha percorsa di strada: ha aperto concerti di Alicia Keys e Jamiroquai, ha registrato con la band di Prince. Non si è accontentato di essere ricordato come "quello che arrivò terzo a 'X Factor'", ma si è dato da fare per non sprofondare nell'oblio: ha cambiato più volte etichetta discografica, passando da Sony a Universal e da Universal a Carosello. Ed è pure andato a suonare negli Stati Uniti. Oggi, il cantautore bresciano ha 31 anni, si fa chiamare semplicemente Jury e pubblica quello che definisce il suo disco "libero", "Emerald lullabies".

L'album è un ambizioso concept-album che Jury presenta come un disco "istintivo". Ambizioso perché, a detta dello stesso Jury, si tratta del progetto in cui il cantautore crede di più da quando ha iniziato a fare musica.

Si tratta di un album interamente scritto e suonato da Jury, prodotto dal fratello Kevin Magliolo, in bilico tra folk e baroque pop, con sfumature crepuscolari e molto introspettive, apparentemente difficile da ascoltare e da comprendere fino in fondo (ma provateci e riprovateci, perché quando lo capirete, capirete che ne sarà valsa la pena). È un disco dalle atmosfere quasi surreali, eteree: un racconto che comincia in una casa di campagna totalmente immersa nel verde con un nonno che intona una nenia al suo nipotino (da qui il titolo del disco, "Emerald lullabies" appunto).

Jury non si è limitato a scrivere e interpretare le canzoni: ha suonato pure le chitarre acustiche, le chitarre elettriche, la steel guitar, il banjo, l'armonium, il glockenspiel, il mellotron, la batteria, il moog e l'organo. Alle registrazioni, che si sono svolte a Brescia, hanno preso parte anche il violoncellista Federico Bianchetti e la violinista Giulia Mabellini.

TRACKLIST

01. Emerald Lullabies (Intro) (00:51)
02. In a Maze of Stars (01:57)
03. It's so Fine (03:45)
04. Mother (00:50)
05. A Magical New Day (03:01)
06. Black and White (02:43)
07. Emerald Interlude (01:16)
08. To Be Alone (02:05)
09. Always (03:03)
10. Coney Island (01:34)
11. Writing Songs About You (02:34)
12. Goodbye (02:23)
13. Wake Up (01:19)
14. Emerald Lullabies (Outro) (00:44)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.