«GENTLEWOMAN, RUBY MAN - Flo Morrissey & Matthew E. White» la recensione di Rockol

La strana coppia, e un disco di cover: "Gentlewoman, Ruby Man" di Flo Morrissey & Matthew E. White

Cosa spinge una giovane promessa del folk inglese a incidere un disco di cover come secondo album? Risultato stupefacente: uno dei primi dischi notevoli del 2017.

Recensione del 15 gen 2017 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Catalogare come: "coppie improbabili fanno un disco inaspettato, che invece funziona alla perfezione".

Lei è Flo Morrissey, giovanissima cantante inglese, voce, viso e suono d’altri tempi: è stata scoperta dal team di Devendra Banhart, Joanna Newsom, e ha pubblicato un anno e mezzo fa "Tomorrow will be beautiful” per la Glassnote, grossa etichetta indie che lanciato Mumford & Sons e Cvhurches, tra gli altri.
Lui è Matthew E. White, cantautore e produttore americano con due bei dischi alle spalle, “Big inner”, e “Fresh blood”. Un nome di nicchia, ma con una solida credibilità alle spalle, “piace alla gente che piace”, come si diceva ad una volta.
I due si incontrano ad un tributo a Lee Hazelwood a Londra, dove cantano assieme “Some Velvet Morning”.

E così, Flo Morrissey si ritrova ad incidere, come seconda prova, un album di cover. Che già di per sé è scelta rischiosa per artisti navigati, figuriamoci per una ad inizio carriera. Ed un disco a due: nel comunicato stampa la GlassNote dice che è una collaborazione alla “Marvin & Tammi”, citando la Motown e la partnership storica tra Gaye e Tammy Terrell (che è anche una delle storie più strazianti della musica, con lei che muore giovanissima e lui che finisce preda della depressione, rimane bloccato, poi incide "What's Going On", che inizialmente la Motown rifiuta. Ma questa, appunto è un'altra storia).

Però ha ragione, la casa discografica, quando dice che questo disco non è il solito album di cover, ma un piccolo miracolo. Le voci dei due interagiscono perfettamente, con quella di Flo in leggero primo piano, mentre a Matthew E. White spetta soprattutto il supporto. E, soprattutto, cura gli arrangiamenti, e che arrangiamenti: sentite il lavoro su “Grease”, dove si intreccia un beat moderno con un groove funky  anni ’70, ma leggermente rallentato. Una rielaborazione stupenda, come tutte le cover di questo album

E che dire della scelta? Poche cose banali: “Suzanne” di Cohen (ma rallentata e con un beat lontano e ancora più oscuro: qua inevitabilmente domina la voce profonda di White, con Flo in sottofondo ad armonizzare) o “Sunday morning”, che ha un arrangiamento sta a metà tra Phil Spector e le canzoni più sproche di “Velvet Underground & Nico” più che i toni elegiaci della versione originale. Ma anche musica contemporanea resa retrò (“Thinking Bout You” di Frank Ocean e “Colour of Anything” di James Blake) e diversi omaggi alla musica francese in versione anglosassone (Nino Ferrer e Charlotte Gainsbourg).

Insomma, davvero un piccolo grande disco, che dimostra le qualità vocali e interpretative di Flo Morrissey, le qualità di produttore e spalla di Matthew E. White. Se vi piacciono gli album di cover, questo è per voi. Se non vi piacciono, dategli una chance. Se volete scoprire una bella voce, ascoltatelo. “Gentlewoman, Ruby man" è uno dei primi dischi notevoli di questo 2017

TRACKLIST

01. Look At What the Light Did Now (03:21)
02. Grease (04:21)
03. Looking for You (04:40)
04. Thinking Bout You (03:44)
05. The Colour In Anything (02:58)
06. Everybody Loves the Sunshine (04:47)
07. Suzanne (04:41)
08. Sunday Morning (03:37)
09. Heaven Can Wait (03:49)
10. Govindam (06:14)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.