«HERE - Teenage Fanclub» la recensione di Rockol

Teenage Fanclub - HERE - la recensione

Recensione del 08 set 2016 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Bisognerebbe isitutuire un premio per i migliori artigiani della canzone pop-rock. Bisognerebbe premiare chi continua a costruire melodie in maniera classica, incastrando con cura e a mano ogni pezzo, al suo posto, per ottenere la perfetta armonia finale. E bisognerebbe assegnarlo ai Teenage Fanclub, sia alla carriera che per questo nuovo album, "Here"

La storia del disco. 
E' il decimo della band scozzese, e arriva 6 anni da "Shadows". Inciso come sempre dal trio  Norman Blake, Raymond McGinley e Gerard Love assieme ai collaboratori storici David Henderson (suoni), Francis Macdonald (batteria) e Dave McGowan (tastiere). Il lavoro si è svolto prima a Vega, in Provenza rurale, poi nella loro Glasgow quindi terminato agli studii Clouds Hill, ad Amburgo.

Come suona e cosa c’è dentro
Quattro canzoni a testa, come da tradizione. E quel suono unico - power pop - che chiama in causa i Byrds, i Big Star, i primi R.E.M.: chitarre e chitarrine, voci e cori armonizzati. Nulla di nuovo, ma tutto che fila via che è una meraviglia: non c'è una nota fuori posto, non c'è nulla di sbagliato, in queste canzoni. E' tutto perfetto, ma senza essere perfettino o troppo pulito. Musica fuori dal tempo e dalle mode, come sempre.
 

Perché ascoltarlo (o perché girare alla larga)
Questo album va ascoltato e basta, non c'è nessun motivo per evitarlo. Vi renderete conto di come sono i migliori interpreti di questa tradizione - è un disco perfetto per gli orfani dei R.E.M., ma non scambiateli per epigoni, se non li conoscete: i Teenage Fanclub hanno debuttato solo qualche anno dopo Stipe e soci, e in oltre 25 anni di onorata carriera hanno cambiato poco e nulla il loro suono, ed è un bene.

La canzone fondamentale
Difficile sceglierne una: sono tutte belle. "Hold on", con quel ritmo perfetto. La byrdsiana "The darkest part of the night", con armonie vocali perfette. La mia preferita è "I have nothing more to say", con delicamente malinconica.
 

TRACKLIST

01. I'm in Love (02:41)
02. Thin Air (03:10)
03. Hold On (03:24)
07. The First Sight (05:07)
08. Live in the Moment (03:03)
09. Steady State (04:15)
10. It's a Sign (03:36)
11. With You (03:58)
12. Connected to Life (03:59)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.