«THE ROAD TO RED ROCKS - Mumford & Sons» la recensione di Rockol

Mumford & Sons - THE ROAD TO RED ROCKS - la recensione

Recensione del 03 dic 2012 a cura di Alfredo Marziano

La recensione

Variabile folk e impazzita della British Invasion che ha ripreso a fare sfracelli negli Stati Uniti (a tutto campo, dall'adult pop di Adele al teen pop degli One Direction ), i Mumford & Sons hanno conquistato l'America senza trucchi e senza inganni, con la sola forza di un incontenibile entusiasmo giovanile e di una musica che incita alla partecipazione collettiva. Superstar improbabili, come tutti gli artisti mainstream hanno già iniziato a dividere pubblico e critica: freschi, energici, irresistibili secondo i sempre più numerosi (e giovanissimi) supporter; ripetitivi, prevedibili e a rischio di inaridimento creativo precoce secondo i detrattori. La realtà forse è più sfumata, ma bisogna concedere ai quattro ragazzi londinesi la chance di giocarsi altre carte in futuro, e intanto riconoscerne la salutare spontaneità e il dato incontestabile che dal vivo sono una forza della natura.

La conferma puntuale, nel momento in cui l'industria cerca di sfruttare la loro popolarità ascendente, arriva con questo Dvd/Blu-Ray - disponibile anche come Dvd+Cd audio in una edizione speciale del recente album "Babel", e dal 10 dicembre in un Super Box contenente l'edizione deluxe di "Babel", la versione audio in vinile del concerto e un libro di 96 pagine - filmato impeccabilmente nella più suggestiva e scenografica arena del mondo, l'anfiteatro naturale e roccioso di Morrison (Colorado) che ha fatto da sfondo a esibizioni storiche di Beatles (nel 1964) e Jimi Hendrix, di Grateful Dead e Neil Young, di U2 (documentata da un celebre video di metà anni '80) e Dave Matthews, la cui voce roca già in molti paragonano a quella di Marcus Mumford. I corpi e le braccia che nei bis ondeggiano con gioia irrefrenabile sui ritmi trascinanti di "I will wait", primo singolo di "Babel", e "The cave", pezzo forte di "Sigh no more", raccontano inequivocabilmente della loro capacità di incantare e coinvolgere platee sempre più numerose con giusto qualche suggestivo gioco di luce, un ricorso moderato all'elettricità (le chitarre elettriche di "Below my feet" e "Dust bowl dance") e un gruzzolo di ingredienti vecchi come il mondo: sudore, dinamismo, passione, intensità, ritmo e melodia giocati con belle armonizzazioni vocali e un numero ridotto di strumenti "poveri", chitarre, contrabbasso, grancassa, tastiere vintage, il banjo di Winston Marshall (uno dei tratti distintivi della loro musica) e l'apporto saltuario di un violino, due trombe e un trombone.

Sul palco sprizzano energia da tutti i pori (soprattutto il tastierista Ben Lovett, un folletto indemoniato che durante l'esecuzione di "Roll away your stone" sale sul pianoforte) e intrigano con il loro gioco di "sedie musicali" e scambi strumentali (Mumford siede alla batteria per "Lover of the light", già un inno; il contrabbassista Ted Dwane lo rimpiazza per "Thistle & weeds"), lo schieramento compatto e d'attacco sul fronte del palco, l'impeto epico di "Little lion man" (che accende i primi salti e i primi balli dopo l'introduzione d'atmosfera di "Lovers eyes") e di "Awake my soul" (ospiti i Dawes), i crescendo già diventati un marchio di fabbrica e i momenti di requie come "Ghosts that we knew" che il pubblico ascolta assorto e in silenzio.

L'ora e mezza scarsa di concerto attinge in parti esattamente uguali ai due album finora pubblicati e lo show di Red Rocks (roba recente, il 29 agosto scorso) è il fulcro e l'epilogo di un diario americano condito di rapide riprese in esterni e dal tour bus, frammenti di interviste radiofoniche, tappe a Hoboken, Portland (Maine) e Monterey e incontri con altri artisti del giro "alternativo" come Gogol Bordello, Haim e Simone Felice. Sembrano sinceramente frastornati e inebriati da quanto gli sta accadendo, i quattro, giurano di non sentirsi una band da stadio e spiegano chiaramente il loro modo di affrontare le cose in uno degli spezzoni di intervista (tradotti anche in italiano) inclusi del Dvd: lui e il suo gruppo, racconta Marcus, vivono nel momento, dimenticandosi in fretta del passato e senza pensare troppo a quel che gli riserverà il futuro.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.