«THE SLIM SHADY LP - Eminem» la recensione di Rockol

Eminem - THE SLIM SHADY LP - la recensione

Recensione del 20 mag 1999

La recensione

Che Eminem sia il rapper più chiacchierato del momento, che sia stato sbattuto in copertina da più di un mensile americano (Raygun in testa), che sia considerato come il primo portavoce della white trash che usa il linguaggio dei neri, sono tutti segnali che potrebbero far pensare a un hype ben architettato da parte della casa discografica di turno (la MCA, non proprio l’ultima delle major). Se poi ci si aggiunge il fatto che, pur bianco, sia stato accettato benevolmente anche dalla comunità nera dell’hip hop, beh, tutto questo potrebbe far pensare che si è di fronte o a una grande montatura o a un fenomeno naturale. Noi propendiamo per la seconda ipotesi. Basta ascoltare il disco per rendersene conto. Basta vedere quanto Marshall Mathers (questo il vero nome del rapper di Detroit) abbia la capacità, oltre che di atteggiarsi a “bullo di strada” e affermare che “non gli importa un cazzo” (“I just don’t give a fuck”, uno dei singoli di successo contenuti nell’album), di regalarci momenti di emozione e malinconia pura per capire che, al di là del chiacchiericcio che si è creato intorno a Eminem e dello strabiliante successo di “My name is”, questo presunto portavoce della white trash abbia pensato un album di debutto che, un po’ grazie alle atmosfere malinconiche (dettate da una vita da “white trash” di cui parla nella emozionante e commovente “If I had”), un po’ grazie alle sonorità originali scelte da Eminem e dalla sua posse (FBT Productions+ la produzione saltuaria di Dr.Dre), suona completamente sganciato, come è la scena di Detroit a cui appartiene, da trend newyorkesi (vedi alla voce Wu Tang) e georgiani (Timbaland), concedendosi soltanto qualche virata in territorio g funk. Il risultato è un disco ben confezionato nella parte produttiva e piuttosto “fresco” nelle scelte stilistiche che hanno decretato l’armamentario sampladelico dell’album, onesto e originale quanto basta per convincere anche quelli che pensano a Eminem come alla solita montatura.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.