«THE YELLOW SHARK - Frank Zappa» la recensione di Rockol

Frank Zappa - THE YELLOW SHARK - la recensione

Recensione del 01 dic 2010

La recensione

Negli ultimi anni di vita Zappa si dedicò alla sua “musica seria”, cercando di farsi apprezzare come compositore e mettendo da parte il personaggio della rockstar. I due ultimi progetti da lui realizzati sono sicuramente i suoi migliori fra quelli che si muovono nel campo della “serious music”. Mentre il disco di computer music / collage sonoro “Civilization Phase III” venne pubblicato postumo, più di un anno dopo la morte di Frank, avvenuta il 4 dicembre 1993, “The Yellow Shark” uscì invece alcune settimane prima che Zappa soccombesse nella lunga battaglia contro il tumore.
Prendendo il nome da un pesce di plexiglas che gli era stato regalato nel 1988, l’album raccoglie esecuzioni registrate dal vivo nel 192 dell’Ensemble Modern. Si va dai quartetti d’archi (“None of the above”) a esempi di classica contemporanea a vecchi brani fra i preferiti dell’autore: fra questi, un medley di "Dog Breath Variations" e "Uncle Meat", "Pound for a brown", "Be-Bop Tango", e due brani pensati al Synclavier, "The girl in the magnesium dress" e "G-Spot Tornado" trascritti per orchestra.
Benché questi, proprio perché già noti, rendano il disco meno “difficile”, sono le composizioni inedite a conferirgli il suo valore: "Outrage at Valdez," il duetto pianistico "Ruth is sleeping" e "Food gathering in post-industrial America, 1992" sono opera di un autore maturo, fortemente influenzato da Varèse e Stravinsky ma capace di creazioni originali. Il capolavoro del disco è però "Welcome to the United States", un brano a struttura improvvisativa ispirato alla modulistica da compilare per ottenere un visto d’ingresso negli Stati Uniti.
Certo ostico per gli amanti del rock, “The Yellow shark” resta però uno dei vertici della discografia zappiana, e forse il disco che meglio ne documenta lo spessore compositivo.

Riccardo Bertoncelli dice: “... un fantastico progetto orchestrale, il più bello di tutta la carriera. Struggenti recuperi dal passato... e alcune pagine nuove di straordinaria bellezza (...): lo Zappa della estrema maturità coniuga divertimento, lirismo, passione, dolcezza, con una scrittura più elegante che mai, a tratti insolitamente rarefatta.”

TRACKLIST

01. Intro by Frank Zappa to the Yellow Shark concert
04. Outrage at Valdez
05. Times Beach II
06. III Revised
07. The Girl in the Magnesium Dress
09. Ruth is sleeping
11. Pentagon afternoon
12. Questi cazzi di piccione
13. Times Beach III
16. A pound for a brown Zappa
17. Exercise #4
18. Get whitey
19. G-Spot Tornado
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.