«MICHAEL - Michael Jackson» la recensione di Rockol

Michael Jackson - MICHAEL - la recensione

Recensione del 03 dic 2010 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Il primo disco di inediti di Michel Jackson in 9 anni. Sarebbe un evento di per sé, lo è inevitabilmente di più visto che è anche il primo album postumo, a poco più di un anno dalla sua scomparsa. La carriera di Michael Jackson è stata parecchio tormentata, negli anni zero, e la prima cosa che si nota di “Michael” è la volontà di leggitimarlo come il disco a cui stava lavorando, il disco che avrebbe voluto. La dietrologia è sempre in agguato, quando si tratta di Jackson, e infatti c’è già chi dubita che alcune delle canzoni siano effettivamente cantate da lui. Ma tant’è.
“Disco concepito e ispirato da Michael Jackson”, si legge appunto nel CD; le note consegnate ai giornalisti all’ascolto in anteprima a cui abbiamo partecipato (il disco uscirà in Italia il 10 dicembre, in America il 14) e gli appunti che completano il libretto hanno questo fine: raccontare la storia di questo gruppo di canzoni, di come sono state pensate e iniziate da Jackson e di come siano state portate a termine, secondo le sue indicazioni: manoscritti, chiacchierate con i produttori, ricordi…
E’ possibile riuscire in questo obbiettivo? Oggettivamente, no. Perché nessuno può essere nella testa dell’artista. E’ un male, ascoltare canzoni iniziate in un momento e finite successivamente? Certamente no. Anche se i puristi sono sempre in agguato, nella musica: è capitato persino a Springsteen, accusato – insensatamente - da alcuni fan di avere di rovinato le canzoni originarie del ’77-’78, completandole in prima persona per il recente “The promise”. Figuriamoci cosa potranno dire questi puristi di alcuni produttori che completano il lavoro iniziato da Michael Jackson.
Dietrologie a parte, le canzoni che compongono “Michael” – dieci – arrivano dall'ultimo decennio, con l’eccezione di “Much too soon”, brano conclusivo che arriva dalle sessioni di “Thriller”, malinconica ballata minimale che è molto diversa dal resto del disco. Infatti, pur trattandosi di brani a cui hanno lavorato diversi produttori, il tentativo di “Michael” è un po’ quello della copertina, collage di immagini delle diverse ere del Re del Pop: rappresentare le differenti anime sonore della sua musica.
Da questo punto di vista, è da manuale l’attacco di “Hollywood tonight”: batteria-basso-chitarra con uno scat vocale e i classici urletti; è quasi una sorta di manifesto che contiene tutti i marchi di fabbrica di Jackson. Il disco si apre con l'r’n’b di “Hold my hand”, prosegue con la coralità “Keep your head up”; torna verso l’r’n’b modernizzato con “(I like) The way you are” (già pubblicata in una raccolta del 2004, e qua aggiornata). Si arriva a ballare sul serio alla quinta canzone, con “Monster”, impreziosita dalla partecipazione di 50 cent, che venne contattato direttamente da Jackson; si riabbassano i ritmi con “Best of joy”, ballata che fu una delle ultime cose a cui Jackson lavorò prima di morire. “Breaking news” è una delle canzoni che farà più discutere: Jackson canta di se stesso in terza persona, della sua vita sotto il microscopio. Poi c’è spazio per il rock, con “I (can’t make it) Another Day”, in cui si sente la bella mano di Lenny Kravitz (e di DaveGrohl alla batteria), che evoca ricordi di “Black or white”. Quest’ultima è forse il brano migliore del disco, assieme a “Behind the mask” , basata su un campionamento di un brano della Yellow Magic Orchestra di Ryuichi Sakamoto, canzone in cui le ritmiche sincopate tipiche di Jackson sono rivisitate con suoni più moderni.
In definitiva, “Michael” è un’operazione riuscita: una manciata di ottime canzoni, forse con qualche minima caduta di tono, ma in generale completate come meglio non si poteva fare. Gli amanti di Michael Jackson ci troveranno tutto quello che cercano, e anche di più. I detrattori troveranno pure loro pane per i loro denti, è chiaro, ma l’avrebbero trovato anche se Michael Jackson fosse ancora vivo... “Michael” è sicuramente solo l’antipasto di quello che ci aspetta in futuro in termini di pubblicazioni inedite. Ma come antipasto è veramente succulento.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.