«MAVERICK A STRIKE - Finley Quaye» la recensione di Rockol

Finley Quaye - MAVERICK A STRIKE - la recensione

Recensione del 04 mar 1998

La recensione

Occhio a questo Finley Quaye. E’ un avvertimento che vale anche per lui: che faccia attenzione a se stesso; ha talento, e ci dicono mirabilie delle sue capacità "live". Il problema è che probabilmente non gliene frega niente. Il giovane Finley ha l’aria di quei calciatori capaci di grandi giocate che dormono per gran parte della partita e sfidano la pazienza dei loro tifosi. Il suo primo disco "Maverick a strike" lo rappresenta bene: è un viaggio nella musica nera che salpa da porti dub ("Sunday Shining", il brano che lo ha lanciato, è preso a prestito da Bob Marley) per fare tappa su isole visitate a suo tempo da Sam Cooke e Otis Redding (vedi la hit radiofonica "Even after all"), e persino da Hendrix. Se proprio vogliamo, gli manca il grido selvaggio di Wilson Pickett per essere perfetto: "Ride on and turn the people on" si avvicina al litorale, ma poi decide di fare vela altrove. Pigrizia, a volte perfino divertita e narcisista, come nella bellissima "It’s great when we’re together".

Con il procedere del disco peraltro il viaggio si fa meno solare e più introspettivo, il che sembra rispondere anche al modo di essere di Quaye e alla stessa tecnica dub: cercare le parole intanto che si canta, fino a isolare il concetto finale - è il caso di "Falling", dove solo alla fine il lamento "Solitude setting" definisce il tutto. Ma Finley il marinaio non sembra fare i conti volentieri con certe zone d’ombra musicali: forse tanta indolenza gli impedisce di scavare a fondo nelle proprie vibrazioni meno positive, di credere in brani come "Supreme I preme" dove un’idea musicale che potrebbe scuotere la terra viene sepolta in una profonda caverna. Anche qui, pigrizia? O spalle non abbastanza robuste?

In conclusione, per ora il brigantino ci porta una robusta dose di momenti più che felici, con merci e manufatti di prim’ordine, e non solo per gli amanti degli echi caraibici. Ma dai prossimi viaggi di Quaye ci aspettiamo maggiore chiarezza su quegli atolli dimenticati dove forse si trova il vero tesoro: il rischio che corre è di diventare il nuovo genietto usa-e-getta della black music (alla Terence Trent D’Arby, per intenderci) cui inneggiare giusto per una estate. E non se lo merita.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.