«ACTOR - St. Vincent» la recensione di Rockol

St. Vincent - ACTOR - la recensione

Recensione del 09 giu 2009 a cura di Marco Jeannin

La recensione

“Actor”, secondo album di Annie Clark, meglio conosciuta come St. Vincent, è un ottimo disco dal sapore fortemente cinematografico e dotato di grande equilibrio e compattezza, tanto da far pensare di essere di fronte addirittura a un concept. Ecco, più o meno il succo della recensione potrebbe essere riassunto in questa frase. Potrebbe se non fosse che la parte veramente interessante arriva giusto ora, e che ci si creda o no, per una volta è tutto merito del come Annie Clark è arrivata a concepire un album come questo prima ancora di addentrarsi nell'ascolto specifico. Come dicevo, “Actor” è un disco molto cinematografico, e non solo per il titolo abbastanza esplicito, ma più di tutto per la costruzione dello stesso. Prendiamo la scaletta: il disco si apre con la presentazione dei personaggi: “The strangers” e “The neighbors“. E' dotato di una parte centrale, “Actor out of work” e “Laughing with a mouth full of blood” che incarnano perfettamente lo sviluppo della trama e la nascita del conflitto e conducono all'inevitabile risoluzione, “The bed” e “The party”. Addirittura c'è spazio anche per l'eventuale nuovo capitolo della vicenda: “The sequel”. A due anni di distanza dall'ottimo esordio ”Merry me”, ad Annie Clark servivano nuove idee. E sono arrivate pescando direttamente da anni di storia del cinema, in particolare i film d'animazione Disney, fatti di principesse e cavalieri, mondi incantati e animali parlanti. Musicalmente parlando la ragazza di Tulsa conferma quanto di buono si era sentito fino ad oggi, proponendo un indie pop molto soffice e spesso contaminato da elementi elettronici e folk che rimandano prepotentemente alla produzione degli Air tanto quanto alla nostrana Cristina Donà e a My Brightest Diamonnd. Seppur privo di un vero e proprio singolo (ovviamente c'è, ma non si vede), l'album è dotato di una forza data dalla compattezza di un suono mirabilmente delicato e coeso che rende necessario un ascolto prolungato e non frammentario. Difficile poterlo apprezzare appieno ascoltandolo a pezzi, non ci sono primo e secondo tempo. A risaltare su tutti l'aggressiva “Actor out of work” (eccolo qui il singolo...) e la bellissima e cupa “Marrow”, sintesi perfetta di favola ed elettronica impreziosita da una voce di porcellana che sembra appartenere alla principessa di turno. St. Vincent ci mette la faccia (già dalla copertina), caricando di personalità e d’intimità in un disco che permette di entrare fino in fondo dentro la testa di chi l’ha pensato e messo in atto. Mirabile conclusione con la splendida ed epica “The party”, molto Decemberists ultimo periodo, e con la quasi ipnotica “Just the same but brand new”, una formula magica trasformata in suono. Sembra che il passato trascorso ad aprire concerti per mezzo mondo, dai National ai Sufjan Steven, passando per i Poliphonic Spree, abbia reso Annie Clark in grado di prendere il meglio da ogni suono incontrato sulla sua strada, centrifugarlo e ripresentarlo declinato in maniera personalissima. Il tutto a vantaggio di chi sa apprezzare una complessità così delicata da rapire proprio come quando da piccoli, ci si perdeva beatamente nelle favole raccontate prima di andare a letto.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.