«TIME THE CONQUEROR - Jackson Browne» la recensione di Rockol

Jackson Browne - TIME THE CONQUEROR - la recensione

Recensione del 10 ott 2008 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Il tempo scorre per tutti, anche per Jackson Browne. Se uno passa in rassegna le copertine dei suoi dischi è facile vedere la sua faccia da eterno ragazzino del rock californiano. Almeno, così succedeva fino a “Naked ride home”, ultimo album di studio, datato 2002. Poi sono usciti due dischi dal vivo, con Jackson che guardava di traverso.
Con “Time the conqueror” Browne torna a guardare in faccia l'ascoltatore – pur dietro i riflessi di un paio di occhiali: ma mostra i segni del tempo “conquistatore”, con un inedita barbetta bianca.
Per il resto, poco è cambiato, per fortuna: Jackson fa la stessa musica da trent'anni e passa, per fortuna: un rock semplice e diretto, basato su chitarra e piano, sulla sua splendida e calda voce e su canzoni scritte come Dio comanda. Si sono persi per strada i pessimi suoni degli anni '80 , per un ritorno alle origini già dagli anni '90. “Time the conqueror” non fa eccezione: un disco solido, persino migliore di “Naked ride home” perché meno dispersivo. Una lezione di stile a tanti giovani virgulti cantautorali contemporanei, un disco che probabilmente a chi cerca la novità a tutti i costi sembrerà troppo retrò o troppo “Adult”, come direbbero in America. Ma pazienza.
L'unica cosa che stride in queste canzoni, semmai è il piglio apertamente politico dei testi. Una caratteristica che Browne – nato come cantante “confidenziale” negli anni '70 – ha fin dagli anni '80, e che recentemente gli è valsa un'affettuosa presa in giro dal conterraneo Randy Newman (che nel suo ultimo album canta più o meno: a nessuno importa più di niente, tranne a Jackson Browne). Ma in canzoni come “The drums of war”, “Where were you” o “Going down to Cuba” questa rabbia sfocia in testi un po' troppo didascalici, che rischiano di rovinare le melodie e le armonie ben costruite. Meglio, decisamente, quando Browne torna sui temi più personali come nella title-track, un piccolo capolavoro.
Insomma, il tempo passa senza passare, in realtà: se non fosse per questi accenni alla realtà che ci circonda, “Time the conqueror” è un disco che potrebbe essere stato inciso 30 anni fa. A voi decidere se è un pregio – per chi scrive lo è – o un difetto.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.