«BIG BLUE BALL - Artisti Vari» la recensione di Rockol

Artisti Vari - BIG BLUE BALL - la recensione

Recensione del 17 lug 2008

La recensione

Un album di Peter Gabriel? Non esattamente. Il disco nuovo che i fan aspettano con rassegnata pazienza da sei anni? Men che meno. La palla blu di “Big blue ball” rotola silenziosa sul Web e si affaccia enigmatica dalle vetrine dei negozi (solo di importazione americana, per ora). Ma se ne parla e fantastica da quando – erano le lontane estati del 1991, 1992 e 1995 – i Real World Studios di Box diventarono, per usare le parole del padrone di casa, “un gigantesco parco giochi” aperto a una rappresentanza arcobaleno di musicisti, poeti e autori di canzoni provenienti da tutto il mondo. “Li facevamo incontrare come fossimo un’agenzia matrimoniale”, ricorda oggi Gabriel presentando l’opera. “Poi li lasciavamo sparire insieme nel buio a fare un po’ di rumore. Noi eravamo lì pronti a registrarli”. Voyeur equipaggiati di microfoni e registratori a nastro, Peter e i suoi catturavano quelle spontanee effusioni sonore ovunque capitassero: in giardino, in garage, nelle stanze da letto, nel caffè ristorante aperto 24 ore su 24, e peccato non avere a disposizione una testimonianza video completa di quei giorni (un assaggio si trova su http://bigblueball.realworldrecords.com/). Erano, quelle, le recording weeks che rinnovavano l’utopia del Womad, il festival di musica, arte e danze che Gabriel coltivava dai primi anni Ottanta e che lo portò anche, allora, sull’orlo della bancarotta. Ai tempi era un’idea nuova, eccitante e carica di promesse, anche se poi le contaminazioni virtuose della world music non hanno germinato quel che ci si sarebbe potuto aspettare. In quelle settimane successero cose belle e strane, incroci genetici che non generavano mostriciattoli da laboratorio ma musica viva, fresca e vivace. Gabriel è protagonista solo quattro volte su undici,per il resto si ritaglia un ruolo da regista e maestro di cerimonie insieme a Karl Wallinger, ex Waterboys e all’epoca leader dei World Party, in un disco che è il frutto di una collisione di stili, di una comunione di intenti, di uno sforzo collettivo di scrittura e di improvvisazione. Dentro ci trovate music & rhythm come da manifesto programmatico del personaggio, tecnologia e tribalismo combinati seguendo l’impronta lasciata a inizi Ottanta dagli imprescindibili “III” e “IV”. Anche se qui, almeno quando è Gabriel ad avvicinarsi a microfono e tastiere, sembra di stare piuttosto dalle parti di “Us”, l’album che proprio in quel periodo cercava un compromesso tra il formato pop di “So” le suggestioni etniche di “Passion”: così in “Whole thing”, il bel titolo iniziale in cui Peter e Karl ricreano le atmosfere più melodiche e “radiofoniche” di quel disco, mentre “Exit through you”, complice il pupillo Joseph Arthur, ricorda piuttosto l’inquietudine di una “Digging in the dirt”; Wallinger, per parte sua, conduce bene le danze nella title track, un luminoso Brit pop che chiude il programma. Non tutto è inedito, qualcosa era già affiorato alla luce del sole: per esempio “Burn you up, burn you down”, un funk trascinante rinforzato dalle voci degli Holmes Brothers e dalla batteria di Billy Cobham, incluso e poi scartato da “Up”, recuperato – in versione rimaneggiata – nella raccolta “Hit”, proposto anche in concerto. Il resto è un’istantanea solo parziale di quanto accadde allora, perché molti dei protagonisti di quegli happening nella campagna del Wiltshire (nel ’91 passò di lì anche Van Morrison…) qui non ci sono e dobbiamo fidarci del lavoro di editing e di montaggio curato da Peter e dal suo team. Accontentiamoci, perché ne succedono delle belle: Natacha Atlas e Hossam Ramzy lanciati in una electro-danza del ventre, Juan Cañizares e Papa Wemba che si inventano un flamenco ispano-congolese. E mentre lì vicino fischiano i treni diretti a Bristol, dentro i Real World la musica evoca fiumi e foreste a rischio di estinzione (il tema ecologista del disco), dancefloor africani e nebbie irlandesi, tra drum machine e cornamuse, tin whistle e flauti cinesi di bambù, tastiere elettroniche e chitarre elettriche (c’è pure Vernon Reid), fisarmoniche e tante belle voci: Iarla Ó Lionáird, Sinead O’Connor che implora uno stop alla guerra e al terrore, Marta Sebestyen che in “Rivers” ferma il tempo per quasi sei minuti.



(Alfredo Marziano)

TRACKLIST

01. Whole thing (original mix) - Francis Bebey, Alex Faku, Peter Gabriel, Karl Wallinger
02. Habibe - Natacha Atlas, Hossam Ramzy, Neil Sparkes
03. Shadow - Juan Cañizares, Papa Wemba
04. Altus Silva - Joseph Arthur, Ronan Browne, Deep Forest, James McNally, Iarla Ó Lionáird, Vernon Reid
05. Exit through you - Joseph Arthur, Peter Gabriel, Karl Wallinger
06. Everything comes from you - Richard Evans, Joji Hirota, Sevara Nazarkhan, Sinead O’Connor, Guo Yue
07. Burn you up, burn you down - Billy Cobham, Peter Gabriel, The Holmes Brothers, Wendy Melvoin, Arona N’diaye, Jah Wobble
08. Forest - Levon Minassian, Arona N’Diaye, Vernon Reid, Hukwe Zawose
09. Rivers - Vernon Reid, Marta Sebestyen, Karl Wallinger
10. Jijy - Arona N’Diaye, Rossy, Jah Wobble
11. Big blue ball - Peter Gabriel, Manu Katché, Karl Wallinger
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.