«NOMAD SOUL - Baaba Maal» la recensione di Rockol

Baaba Maal - NOMAD SOUL - la recensione

Recensione del 02 set 1998

La recensione

Inizia così: da lontano arriva un suono strano, come di digeridoo in lontananza (ma non è un digeridoo) mentre una donna irlandese canta "And I will follow you everywhere you go, and I’ll be with you ‘til the end". Arriva la kora, l’arpa africana, insieme a percussioni e rumori di sfregamenti, poi, mentre la donna irlandese continua a cantare, Baaba Maal entra con la sua voce possente e altissima, dal timbro caratteristico e uno stile che ricorda inevitabilmente l’altro grande senegalese, Youssou N’Dour. Poi arriva la ritmica completa, e il pezzo acquista quasi una dimensione pop internazionale, sembra solo un po’ più ‘cullata’ in un suono primordiale, ma quando entrano anche i fiati la magia è completa. Pop africano o musica delle radici? Dentro "Souka nayo", brano che apre l’album, ci sono entrambi i mondi, coniugati insieme da un musicista abile ed esperto: "Il nuovo album è una mescolanza di cibo tradizionale e cibo che il mondo mi sa offrire quando viaggio". Tradizionale il suo background, gli strumenti, l’anima africana della sua musica; il resto sono le contaminazioni con il rap, il reggae e persino il mondo appartenente ad un certo rock sperimentale, quello grazie al quale sono presenti sull’album Brian Eno, Howie B. e Jon Hassell. Per "Africans unite (Yolela)", invece, arriva a dargli manforte uno dei simboli del reggae odierno, Luciano. Il tutto per un album che fonde tradizione e modernità in un unico abbraccio, sottolineando l’universalità del messaggio musicale. Una volta lavori così impegnativi toccavano a Peter Gabriel, in ogni caso rockstar tra le rockstar, adesso il messaggio arriva forte e chiaro dal cuore dell’Africa. Non è un cambiamento da poco, ascoltare un africano con dei coristi irlandesi, piuttosto che un americano d’origine irlandese con dei coristi d’origine africana a lato del palco. E non è soltanto una questione di prospettive.

Track list:

  • Souka nayo (I will follow you)
  • Africans unite (Yolela)
  • Mbolo
  • Cherie
  • Fanta
  • Guelel
  • Douwayra
  • Iawa
  • Yiriyaro (Percussion storm)
  • Koni
  • Lam lam
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.