«UNO - Marlene Kuntz» la recensione di Rockol

Marlene Kuntz - UNO - la recensione

Recensione del 18 set 2007 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Sono pochi gli artisti, soprattutto in Italia, che si allontanano da una formula di successo. Sono pochi gli artisti che riescono davvero a crescere senza paura di perdere pubblico. Dalla formula degli esordi, quella che li ha consacrati come una delle due band di punta del rock italiano insieme agli Afterhours, i Marlene Kuntz si stanno progressivamente allontanando da tempo. “Uno” è ancora più deciso su questa strada, dopo “Bianco sporco” e dopo il live “S-Low”. Ma non spaventatevi: i Marlene ci regalano un altro piccolo grande capolavoro.
“Uno” è un disco in cui le chitarre, peraltro, ci sono. Ma si accompagnano ad uno spettro sonoro che la band cuneese non ha mai avuto: piano, archi, cori, chitarre acustiche. Il tutto unito in un impasto originale, spesso inaspettato. Ecco: “Uno” è un disco per molti versi sorpredente – e non dubitiamo che lo sarà per molti fan, quelli ancora troppo legati a brani come “Sonica” e che avevano già mal digerito le ultime mosse. E' un disco che più che i Sonic Youth sembra avere come riferimento i Radiohead: non tanto nei suoni ma nello spirito sperimentale. E' un disco frutto di lavoro di studio (sentitevi l'impasto voce e archi di “Stato d'animo”) più che di un suono live, e con la precisa convinzione che la sperimentazione non deve prendere troppo spazio, perché il trio Godano/Bergia/Tesio (supportato da Gianni Maroccolo, alla produzione oltre che al basso) non perde troppo di vista la forma canzone, come spesso è successo ai Radiohead.
Così troviamo la splendida “Musa”, graziata dal piano di Paolo Conte, qualche accenno di rock (“Sapore di miele” e la bellissima “Fantasmi”, che a qualcuno potrà ricordare Capossela, ma che sembra invece richiamarsi al desert-rock dei Thin White Rope, ormai dimenticata grande band degli anni '80), ma anche eteree ballate come “Canzone ecologica”, addirittura la bossanova in “Negli abissi tra i palpiti”. Il tutto condito da ospiti quanti mai i Marlene ne hanno avuti (oltre a Conte il bassista di Tom Waits Greg Cohen, il pianista Vittorio Cosma, la voce di Ivana Gatti) e da una vena lirica di Godano molto intensa, ispirata nel titolo del disco e e nei testi dedicati all'attenzione al rapporto uomo-donna dallo scrittore russo Nabokov.
Insomma, i Marlene osano. E fanno bene, non solo a livello ideale: perché “Uno” è un disco che darà molte soddisfazioni a chi saprà ascoltarlo. Da “grande realtà del rock italiano” a “grande realtà della canzone italiana”, senza troppe etichette e pregiudizi.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.