«ELECTRODOMESTICO - Luca Urbani» la recensione di Rockol

Luca Urbani - ELECTRODOMESTICO - la recensione

Recensione del 09 mar 2007 a cura di Paola Maraone

La recensione

Dimenticate i divertenti ritornelli di “I am happy”, tormentone dell’estate 1998 con cui Luca Urbani, assieme al socio di allora Gabriele D’amora, s’impose all’attenzione del mondo con i Soerba. I riferimenti musicali di questo ex ragazzo, che una volta cresciuto ha scelto di tentare la carriera solista, non sono cambiati radicalmente: il contesto è sempre quello dell’elettronica, ma dal techno-pop (appunto, allegro e scanzonato) siamo passati a un ambiente più introspettivo e maturo, più raffinato anche, a tratti decadente, certo non solare come un tempo. I non-sense, i giochi di parole, le atmosfere surreali sono sempre le stesse; manca la spensieratezza, ed è giusto che sia così, perché come tutti dicono (e ci sarà un motivo) i vent’anni sono quelli in cui ti diverti, i trenta quelli in cui fai le cose sul serio, o almeno ci provi.
Così in quest’album minimal a partire dalla grafica di copertina e del libretto, che nelle intenzioni originarie doveva essere del tutto self-made e poi, per la strada, si è un pochino raffinato, troviamo undici canzoni che fotografano il Luca Urbani del 2007. Lo fotografano come il giovane uomo che è; un tizio che agli anni di Cristo sceglie di portare sulle spalle la sua personale croce sottoforma di un disco sincero, assolutamente non-furbo, fedele a se stesso, curato, originale. Il rischio solipsismo/isolamento è in agguato, come in tutte le operazioni molto (troppo?) autoreferenziali, ma è un prezzo da pagare per chi come Urbani non ha voglia di piegarsi alle regole di ciò che è molto (troppo?) pop.
Non ascoltate questo disco se siete inclini alla depressione, ma se non è un periodo particolarmente negativo e se siete (anche solo vagamente) interessati all’elettronica invece compratelo, è una buona occasione per (ri)scoprire un genere e un autore che hanno ancora qualcosa da dire. Brani vincenti: il singolo “Top song”, e poi “Festa borghese” e “Il mondo è uno slogan”, ottimi spunti per riflettere – ogni tanto non fa male – su quello che succede oltre la porta di casa.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.