«TOZZI MASINI - Umberto Tozzi» la recensione di Rockol

Umberto Tozzi - TOZZI MASINI - la recensione

Recensione del 22 dic 2006 a cura di Paola Maraone

La recensione

Di questi tempi c’è chi pratica lo scambio di coppie e chi lo scambio di canzoni. Tozzi e Masini, amici da tempo (forse non tutti sanno che Marco suonò come tastierista per Umberto) si dedicano al secondo dei due hobby. E mettono assieme un dischetto che poi tanto dischetto non è: sedici brani – non pochi – in cui uno ricanta i brani più famosi dell’altro, e viceversa. Con un duetto interessante, in “T’innamorerai” di Masini, in cui le voci dei due s’intrecciano in modo assai gradevole.
Come sempre accade quando si parla di personaggi che sono l’antitesi del “cool” (non ce ne vogliano i Nostri, ma tanto trendy non sono) i detrattori sono dietro l’angolo, pronti a dire: ci mancava solo questa, cosa l’hanno fatto a fare, non lo ascolto neanche se mi sparano, al limite lo regalo a mia suocera perché le si alzi ancora un po’ il colesterolo. Va bene, posizione legittima.
Però un conto sono i gusti, un conto fare il tiro al piattello per puro pregiudizio: sport assai inelegante, ancorché diffuso. La cosa più onesta (non necessariamente l’unica sensata) da dire su quest’album è che si tratta di un lavoro ben suonato e ben interpretato, da due professionisti della canzone che hanno alle spalle tanto mestiere e che hanno mostrato di avere del genio. I tre inediti, “Come si fa”, “Anima italiana” e “Arrivederci per lei” sono pezzi dignitosi, lontani da certi capolavori dell’uno e dell’altro ma comunque ascoltabilissimi (menzione d’onore per il coro di “Arrivederci per lei”). I momenti più felici sono sicuramente il duetto in “T’innamorerai” e poi certi pezzi ricantati da Masini, come “Gloria”, “Gli altri siamo noi” e “Io camminerò”. “Ci vorrebbe il mare” è un po’ troppo stanca e addormentata, ma il livello dell’album resta comunque abbastanza alto; anche le masiniane “Disperato” e “Perché lo fai” suonano credibili.
Chiaro: non bisogna dimenticare che si tratta di Tozzi e Masini. Insomma né Strokes né Franz Ferdinand. Ma questo uno lo sa bene appena vede il disco in negozio, e forse non c’è neanche bisogno di sottolinearlo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.