«WOLFMOTHER - Wolfmother» la recensione di Rockol

Wolfmother - WOLFMOTHER - la recensione

Recensione del 17 ago 2006 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

La Apple è una garanzia, nel mondo della musica. Quando sceglie di legare il proprio preziosissimo marchio ad un gruppo, solitamente lo fa a ragion veduta, ed è un certificato di garanzia che sia “cool” a sufficenza per rappresentare iPod/iTunes. Dal punto di vista degli artisti rock, solitamente restii a cedere la propria musica ad uno spot, Apple è un'eccezione vera e propria, un modo per ottenere visibilità mirata.
Ci si perdonerà questa introduzione "pubblicitaria", ma questo è quanto è successo ai Wolfmother. Un gruppo australiano dedito ad un hard rock che più retrò non si può, che pubblica un paio di demo e un disco – questo di cui qui si parla – in patria. Parte un'asta per l'acquisizione dei diritti internazionali, vinta da Universal. Inizia il “buzz” sul disco, che viene pubblicato nei paesi anglosassoni in primavera. Il suono è talmente inattuale da piacere a tutti, e i tre sanno scrivere canzoni. Una di queste, “Love train” diventa per l'appunto colonna sonora di uno spot apple (quelli con le silouette colorate): un'onore toccato in precedenza a Eminem, U2, Coldplay, Gorillaz, e a qualche nome emergente. Una certificazione, appunto.
Una volta tanto, il “buzz” è giustificato: “Wolfmother” è un signor disco di canzoni intrise di Led Zeppelin e Black Sabbath: l'urletto che apre il CD (e la sua canzone iniziale “Dimension”) proietta per l'appunto in un'altra dimensione temporale, andando a recuperare un genere lontano da quel pop-rock-new wave battuto dai tanti gruppi fighetti degli ultimi anni.
Non che i Wolfmother non lo siano, un po' fighetti. Anzi: sono talmente dediti al passato da suscitare un legittimo dubbio che sia un pò una posa. Ma sono salvati dal sapere scrivere grandi canzoni: “Love train” ha un groove che funziona alla perfezione, così come le accellerazioni di “Tales”, un vero manuale di songwriting anni '70. Tutto il disco è su questo livello, con i suoi riff, con i suoi assoli di chitarra e di flauto (sì, di flauto, cosa vi aspettavate? Sentitevi "Withcfraft"...).
Certo, il rischio plagio è sempre dietro l'angolo, in casi come questi. Ma i Wolfmother riescono quasi a fartelo dimenticare, scivolando sopra con leggerezza a tutte le citazioni. Insomma, un bel disco, a cui non chiedere molto di originale, ma un pugno di buone canzoni. Se vi piace il genere, accomodatevi.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.